Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 11.53 del 24 Maggio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Sanac, arriva l'atteso ok di Di Maio: l'azienda passa ad Arcelor Mittal

Prossimo passaggio: l'incontro al Ministero tra lavoratori e nuova proprietà. Ferri (Pd): «Si può così aprire un nuovo percorso per l'azienda di Massa e per i lavoratori la cui attesa è finita»

nel gruppo ilva
Sanac, arriva l´atteso ok di Di Maio: l´azienda passa ad Arcelor Mittal
Massa - L’atteso momento è arrivato: il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha autorizzato la vendita di Sanac ad Arcelor Mittal, il colosso dell’acciaio che nei mesi scorsi ha rilevato l’Ilva. Sanac, appunto, faceva parte di quel gruppo e adesso resta nella costellazione dell’acciaieria di Taranto, il suo committente principale. La notizia del via libera da parte del Mise nelle ultime settimane era stata più volte richiesta da lavoratori, sindacati e politici. Lo sciopero svolto nella giornata di lunedì, ha quindi dato i suoi frutti, sbloccando la situazione: l’ok alla vendita e il tavolo convocato per il prossimo 4 aprile a Roma erano le richieste delle maestranze.

«L’autorizzazione alla vendita – afferma soddisfatto il deputato del Pd, Cosimo Ferri – rappresenta un passaggio fondamentale. In questi mesi abbiamo svolto un costante lavoro di stimolo con il quale si è chiesta attenzione per la Sanac e per i 130 lavoratori. Un lavoro che ha dato i propri frutti e che rivendichiamo con orgoglio. Adesso – prosegue Ferri – la nuova proprietà ha il compito di sfruttare appieno le grandi potenzialità di questa azienda programmandone lo sviluppo con una seria strategia di rilancio. Il nostro compito è quello di tenere sempre alta l’attenzione delle istituzioni e degli organi competenti. Si può così aprire un nuovo percorso per Sanac e per i lavoratori la cui attesa è finita. L’azienda è sana, occupa un settore di mercato in cui è tra le realtà più competitive ed è strategica per il rilancio industriale della provincia di Massa-Carrara. Di Maio ha finalmente dato un segno di vita. Adesso si recuperi il tempo perso».

Appuntamento, dunque, al prossimo 4 aprile, quando al Mise, lavoratori e sindacati incontreranno gli esponenti del Ministero ma anche la nuova proprietà. di trovarci l'analisi di quello che sarà il piano industriale di Arcelor Mittal per iniziare la trattativa vera e propria. In quella sede i sindacati chiederanno il mantenimento dell'attuale numero di occupati, e la garanzia delle attuali condizioni normative ed economiche contrattuali. «Aspettiamo fiduciosi e vigili affinché quelle prerogative che riteniamo imprescindibili vengano rispettate. Inoltre ci aspettiamo che la nuova proprietà possa garantire investimenti necessari allo stabilimento» ci aveva spiegato il segretario della Filctem-Cgil, Nicola Del Vecchio.
Mercoledì 13 marzo 2019 alle 07:01:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News