Ultimo aggiornamento ore 22.39 del 21 Agosto 2017

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Rational, un comitato per riaccendere la speranza

I familiari dei lavoratori hanno costituito un gruppo per sostenere i lavoratori. Il sindaco Volpi: ''Prossima settimana incontro con la regione''

Rational, un comitato per riaccendere la speranza
Massa - Dopo quattro anni di cassa integrazione, dopo altrettanti anni di contratto solidarietà, dopo quattro mesi di promesse, dopo l’intervento del vicepresidente della corte costituzionale Paolo Maddalena, di Luigi De Magistris, dopo due interventi in consiglio comunale e dopo essere stati a protestare in Regione per ben tre volte, alla Rational si torna ad alzare la voce.

Ormai sono rimasti in sette, e non intendono demordere. A sostenerli ci sono genitori, mogli e compagne che hanno formato un piccolo comitato per ‘’riaccendere il fuoco della speranza’’. Alessandra Babboni, moglie di Alessandro Mallegni, ha detto: ‘’Questi quattro mesi non hanno portato a nulla, le speranze sono basse. Si pensava di poter andare avanti nonostante tutto, ma le famiglie soffrono questa situazione, soffrono questa mancanza di lavoro ’’. La mamma di Marco Vischi, visibilmente commossa e amareggiata nel vedere il figlio demoralizzato e senza lavoro, ha affermato: ‘’Vogliamo la speranza di un lavoro per loro e per la loro dignità – ha aggiunto rivolgendosi all’amministrazione comunale presente – Hanno creduto nella ditta, se non lo fate anche voi perderete di credibilità’’.

Il comitato dei familiari ha proposto di poter usufruire dei 3.700.000 euro che sono stati stanziati per la vicenda Eaton e ottenere la lista dei disoccupati della città per potergli offrire un posto di lavoro presso la Rational, così da farla ripartire attraverso la cooperativa. ‘’Gli operai e i loro famigliari sono determinati a vincere questa lotta’’ ha dichiarato Elena Tartarini, compagna di Rinaldo Valenti, ‘’Vogliamo delle scadenze, vogliamo passare ai fatti’’. ‘’Sia fisicamente che mentalmente siamo abbastanza stanchi – ha detto Renzo Valenti – Vogliamo delle risposte, vogliamo tornare a lavorare’’. Le cose che più preoccupano gli operai sono le bollette da pagare, il fatto di non arrivare a fine mese, i loro bambini e il non poter fare progetti per il futuro.

Dopo tutto ciò anche il sindaco di Massa, Alessandro Volpi, è intervenuto a nome dell’amministrazione e annunciando un prossimo incontro con la Regione. ‘’La vicenda – ha detto Volpi – è nata con gli obiettivi di avere un esercizio provvisorio e la cassa integrazione. Noi ci siamo adoperati, come ci avevate chiesto, però nel corso del tempo la prospettiva è cambiata – ha aggiunto – Noi abbiamo due obiettivi principali: il primo è quello di non sbagliare strada; il secondo è che non si può organizzare una cooperativa con sette persone, bisogna coinvolgere altri lavoratori’’.
Venerdì 7 luglio 2017 alle 14:52:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara






VIDEOGALLERY
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore: Luca Borghini

Privacy e Cookie Policy