Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 23.29 del 19 Novembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Nubi fosche sulla Sanac: indetto sciopero nazionale

Il segretario provinciale della Cisl Andrea Figaia interviene sulla questione Sanac dopo l'incontro a Roma: «La luce in fondo al tunnel si è spenta». Nel frattempo, il deputato Cosimo Ferri all'attacco: «Governo assente»

«Novità sempre peggiori»
Massa - Ha avuto luogo questa mattina a Roma una riunione plenaria organizzata dal Ministero dello Sviluppo Economico dedicata alla Sanac di Massa-Carrara, impresa legata all’Ilva di Taranto e attualmente in amministrazione straordinaria. L'azienda dovrebbe essere rilevata dalla multinazionale dell'acciaio Arcelor Mittal, la quale ha chiesto una proroga del termine per la conclusione della negoziazione, estendendo l'offerta e la relativa fideiussione fino al 30 settembre 2019.

Sulla questione è intervenuto il segretario provinciale della Cisl Andrea Figaia: "Le novità – ha dichiarato alla Voce Apuana – sono sempre peggiori. Fino ad aprile si parlava di calo di produzione, oggi si parla di produzione che da luglio non ci sarà più. I contratti a tempo determinato sono a rischio rinnovo, e non è da escludere il ricorso alla cassa integrazione. Quella luce in fondo al tunnel che ci avevano fatto intravedere ad aprile, oggi si è spenta". E sulle possibili azioni da intraprendere, il segretario annuncia: "Faremo quello che ci consentono la legge e il diritto del lavoro, ovvero uno sciopero a livello nazionale dei quattro stabilimenti e, a livello territoriale, un incontro istituzionale cui parteciperanno anche il sindaco di Massa Francesco Persiani, il presidente della Provincia Gianni Lorenzetti e il prefetto Paolo D'Attilio.

"Vogliamo inoltre porre l'accento su un'altra nostra richiesta - prosegue Figaia - quella di non far calare l'attenzione sulla sicurezza. Si stanno verificando infortuni e non vorremmo che le cose si aggravassero. Domani faremo un'assemblea nello stabilimento e porteremo a conoscenza i lavoratori riguardo alle varie problematiche, mettendo poi a voto le azioni da intraprendere".

Duro è l'attacco da parte del deputato del Pd Cosimo Ferri al ministro Luigi Di Maio e al governo: "Un governo assente. Lo stabilimento continua ad andare avanti soltanto grazie alla responsabilità, alla serietà e alla professionalità dei lavoratori, ma questo stato di incertezza non aiuta e non consente di gettare le basi per nuovi investimenti e per costruire il rilancio della azienda. Di fronte a questo scenario emerge tutta l’approssimazione di un Ministro che non ha alcuna idea sullo sviluppo industriale di questo Paese e continua a fare promesse e sceneggiate mediatiche".
Mercoledì 26 giugno 2019 alle 20:26:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News