Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 22.34 del 16 Dicembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«È un licenziamento collettivo camuffato»

Rifondazione comunista interviene a sostegno dei lavoratori del bistrot del Centro 'Mare Monti' che hanno scioperato nei giorni scorsi

LA CRISI DEL LAVORO
«È un licenziamento collettivo camuffato»
Massa - Dopo lo sciopero dei lavoratori del bistrot del Centro Mare Monti di Massa, interviene Rifondazione comunista: «La Federazione Prc Massa-Carrara – è scritto nella nota – è a sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori del Bistrot interno al centro commerciale MareMonti che, nella mattinata di martedì, hanno incrociato le braccia unanimemente per rigettare con forza all’azienda un futuro incerto e buio. Una serrata che stride a confronto con il fastoso rinnovamento che solo un anno fa Autogrill ha scelto di attuare in questo sito che, come una cattedrale nel deserto, s’innalza in una zona e in una città dal punto di vista occupazionale ed economico sociale in ginocchio».

«Un investimento scellerato – prosegue il comunicato – in un punto vendita dove, in questi anni, neanche le aperture selvagge attuate dal centro commerciale hanno dato i frutti sperati tanto che, le stesse lavoratrici e lavoratori, avevano accettato a lungo contratti di solidarietà e spesso ferie imposte per far fronte ad una produttività sempre in rosso. La forza lavoro impiegata in quest’area ristoro è per la maggior parte formata da donne e madri, per questo il pensiero che un trasferimento a centinaia di chilometri da casa, attualmente per 10 di queste, sia un licenziamento collettivo camuffato, è pressoché automatico. Un modus operandi ormai assodato da queste grandi catene dove vengono così raggirati i Ccnl e le regole etiche imprenditoriali basilari legittimando le aziende a poter riassumere in immediato, sostituendo chi già stabilizzato con contratti a termine sicuramente più vantaggiosi e meno vincolanti».

«Come partito – conclude Rifondazione – ancora una volta ci troviamo a verificare come non esista un capitale buono e come le scelte calate dall’alto ricadano sempre e solo sulla testa delle lavoratrici e dei lavoratori ed è per noi inaccettabile che in una provincia come la nostra, attanagliata e penalizzata in maniera esponenziale dalla crisi, rinunciare ad altri posti di lavoro e che possa passare ancora una volta l’idea di monetizzare questa perdita, perché il lavoro è prima di tutto dignità personale e sociale e nn può essere ne comprato e tantomeno svenduto dai nuovi padroni».
Giovedì 24 maggio 2018 alle 12:02:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

A Massa tutte le sedute di Consiglio comunale si apriranno con l'inno nazionale. Sei favorevole o contrario?

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News