Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Villa Massoni, Barotti (Alternativa Civica): «L'Europa intervenga»

Il commento del consigliere comunale in riferimento alla risposta del Ministero all'Onorevole Cosimo Maria Ferri

Cultura
Villa Massoni, Barotti (Alternativa Civica): «L´Europa intervenga»
Massa - "La risposta del Ministero per i Beni culturali all'interrogazione dell'On.le Ferri, che ringrazio sin d'ora per aver portato il caso della Villa Massoni all'attenzione del Ministro, trovo sia deludente". Lo afferma il consigliere comunale di Alternativa Civica, Andrea Barotti in una nota il cui contenuto riportiamo in versione integrale qui di seguito.

"La vicenda che riguarda il complesso architettonico - commenta Barotti - è nota sia ai cittadini che alla Soprintendenza pertanto riepilogarla non credo sia particolarmente apprezzabile, così come evidenziare le criticità di carattere giuridico. La Comunità e lo stesso Ferri, per quanto letto, attendevano dal Ministro una proposta per salvare la Villa, speravano in un impegno, concreto, non fumoso e generico, per recuperare un bene storico di grandissima importanza per la città. Credo sia sconfortante apprendere che la Villa è tutelata, ci mancherebbe che così non fosse, ma che salvarla costi troppo e che lo Stato non abbia né le risorse economiche, né il personale per realizzare un progetto di rinascita di un complesso che potrebbe essere sede museale per esporre le opere custodite nei depositi degli Uffizi e per ospitare, nel parco, grandi sculture; un progetto che ridarebbe impulso al centro città, che migliorerebbe, con ritorno economico, la nostra attrattiva turistica".


"Desta preoccupazione ed amarezza l'appello del Ministero, ai privati affinché intervengano! Lo Stato indietreggia, auspica che altri si facciano avanti per dare un futuro meno incerto ad un bene che è patrimonio di un territorio, di una Nazione (i vincoli si pongono per difendere ciò che fa parte della Storia, che è traccia significativa del passato, della cultura di un popolo).Il recupero, la valorizzazione del patrimonio storico, artistico (il vero petrolio dell'Italia) dovrebbe essere il principale, primario impegno, obiettivo di un Governo! Purtroppo la risposta del Ministero porta a ritenere che l'esecutivo abbia altre preoccupazioni (sperando che la principale non sia quella di galleggiare) e che la cultura, penso anche ad Università e ricerca, continuerà ad essere sotto finanziata; mi chiedo perché non si usino le risorse del reddito di cittadinanza per un settore che consentirebbe di creare posti di lavoro e che permetterebbe all'Italia di tornare a competere con altri paesi avanzati (ci riempiamo di orgoglio pensando alle ricercatrici dell'Ospedale Spallanzani ma teniamo stretti i cordoni della borsa)".

"Il caso della Villa Massoni insegna che l'inerzia della politica crea danni difficilmente recuperabili! Complessi architettonici di particolare significato storico, mi riferisco alla Villa ma anche alle Ex Colonie Marine, si sarebbero potuti, con minor risorse, salvare dal degrado se la classe politica, tutta senza distinzioni, si fosse tempestivamente adoperata! Oggi rischiamo di perdere la nostra Storia! L'ex Colonia Ettore Motta sta andando in rovina, il recupero della Villa Massoni costa 80 milioni ed è utopico pensare che ci siano, sul nostro Comune, dei filantropi, dei mecenati che mettano sul piatto tali cifre. Sul punto basti pensare che siamo terra di marmo ma non abbiamo un museo a cielo aperto paragonabile a quello della vicina Pietrasanta. La minaccia della cancellazione della nostra Storia non è solo dovuta all'abbandono di complessi di grande rilevanza architettonica ma anche dalla poca sensibilità di chi Amministra il territorio che, ad esempio, cambia la toponomastica storica quando dovrebbe tutelarla; mi riferisco al caso del ponte della Liberazione che avrebbe dovuto mantenere la sua intitolazione! Il Sindaco avrebbe ben potuto dedicare il pontile, senza nome, al Presidente Pertini ma così non è stato forse era troppo chiedergli di considerare, per una volta, la proposta avanzata da un esponente della minoranza. La nostra Comunità non deve arrendersi, non dobbiamo abbatterci, non dobbiamo rinunciare a batterci per difendere le nostre radici, per costruire un futuro migliore per noi e per i nostri figli! Per questo porterò il caso della Villa Massoni all'attenzione della Commissione Europea! Chiederò all'Europa di intervenire per tutelare un bene che appartenendo alla storia italiana è parte anche della storia e della cultura europea".
Domenica 23 febbraio 2020 alle 19:03:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Massese?



















Chi è il miglior giocatore della Pontremolese?






































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News