Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 18.31 del 16 Agosto 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Le sculture di Pino Deodato incantano il pubblico del Museo Diocesano

A Massa la mostra rimarrà aperta ad ingresso libero fino al 9 settembre

Le sculture di Pino Deodato incantano il pubblico del Museo Diocesano
Massa - Innumerevoli piccole sculture in terracotta che raffigurano uomini apparentemente affaccendati in qualcosa, senza mai fare fatica, busti con personaggi che nella loro semplicità hanno sempre un qualcosa di poetico. Sono oltre 30 le sculture e le installazioni che dialogano con le opere presenti nel Museo Diocesano di Massa di Jacopo della Quercia come quelle di Bernini, Bernardino della Scala, solo per citare alcuni nomi. E l’effetto è affascinante e tutto da scoprire. E’ questa la mostra di Pino Deodato dal titolo significativo “Abbiamo perso la testa” inaugurata sabato 30 giugno, che rimarrà aperta fino al 9 settembre 2018, organizzata dal Museo Diocesano, Associazione Quattro Coronati di Massa e Comune di Massa.

Pino Deodato, è uno scultore innamorato della materia. Una materia che assume una funzione primordiale, quasi terapeutica, per lo scultore che diventa una sola cosa con la scultura. E’ un amore fisico e metafisico, un affetto che si trasforma in opera d’arte. Il percorso espositivo presenta sculture e installazioni alcune piccole altre più grandi distribuite nelle sale del museo. Il suo stile è alieno da preoccupazioni di avanguardia, ma allo stesso tempo semplice e imbevuto di una modernità primitiva e arcaica, per mettere in evidenza il compito che secondo lui deve avere l’arte e cioè quello di raccontare cose che ci sono, ma che non si vedono le opere devono suscitare emozioni tali da permettere la ricerca della verità.

Siamo bombardati continuamente da riflessioni, considerazioni, conclusioni di politici, filosofi, sociologi, giornalisti che sembra abbiano tutti ragione, l’impressione vera, invece, è quella che essi non essere padroni della verità, ma che stiano cercando di inseguirla affannosamente. “Con “Abbiamo perso la testa” Deodato – spiega Mauro Daniele Lucchesi, direttore artistico dell’Associazione Quattro Coronati- si assume emblematicamente il senso che non ci sono parole per rispondere alle domande e ai bisogni di cui la società contemporanea ha bisogno, come dimostra la crisi ideologica e di ideali che pervade l’intera società globale. Il lavoro di Pino Deodato è un invito a ritagliarsi un po’ di silenzio, una scelta che ci aiuterebbe da una parte a vivere in armonia con il mondo delle cose, dall’altra a trovare una via d’uscita alle problematiche dell’uomo moderno”.

Da sempre Pino Deodato infatti, intende l’arte come una missione nei confronti dell’uomo, quella di aiutare a vivere una vita migliore invitandolo ad una riflessione filtrata dai sentimenti con la consapevolezza che l’arte è una sovrastruttura della società ma che ha comunque la possibilità di aiutare a riflettere e a considerare aspetti della vita a cui non siamo abituati a pensare; le opere di Pino Deodato nella loro apparente semplicità interagiscono con lo spettatore generando consapevolezza e condivisione di stati emozionali innescando una piccola rivoluzione intima e privata sia che vengano affrontate grandi problematiche che piccole riflessioni umane. Il Museo Diocesano di Massa si trova in Via Alberica 26 e la mostra è aperta ad ingresso libero il giovedì, venerdì e sabato ore 21 – 24. Informazioni: www.comune.massa.ms.it telefono 058554901, Museo Diocesano telefono 0585499241, e-mail: museodiocesanomassa@gmail.com Associazione Quattro Coronati, e-mail: maurolucchesi8@gmail.com, tel. 3288375423
Giovedì 19 luglio 2018 alle 11:32:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News