Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 08.09 del 16 Ottobre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Quando Mannucci cantava al Guglielmi»

Una targa per ricordare la presenza del tenore in città

«Quando Mannucci cantava al Guglielmi»
Massa - Dopo le targhe a Dante Fermo Marchetti, a Carolina Borbone duchessa di Berry, agli stampatori Frediani e ai musicisti celebrati alla Conca, Franco Frediani, proseguendo il percorso di valorizzazione di illustri personaggi massesi, rende omaggio ad un altro concittadino. Lunedì 15, alle ore 12, alla presenza del sindaco Francesco Persiani, verrà infatti inaugurata in via Cavour al n° 30, una semplice lapide commemorativa a ricordo del tenore Francesco Mannucci. Saranno presenti anche i pronipoti dell'artista Erica e Carlo, figli rispettivamente del nipote Cesare e della nipote Lucia, la famosa cantante del Quartetto Cetra.

«Tenore di fama nazionale, ma non solo - racconta Franco Frediani - Mannucci vide la luce a Massa il 25 febbraio del 1867 e in città compì gli studi sino alla maturità liceale, conseguita nel Regio Liceo Pellegrino Rossi. Gli studi universitari, condotti nell'Ateneo bolognese, lo premieranno con una meritata laurea in legge e il suo primo Studio legale aprirà i battenti nel medesimo palazzo dell'abitazione di via Cavour. La passione per il canto, che mai lo aveva abbandonato, avrà la meglio su quella dell'avvocatura, preferendo ai codici e ai commi, gli spartiti musicali. Il debutto canoro avvenne nel gennaio del 1895 in occasione del carnevale. Il nostro Teatro Guglielmi lo vide interprete di una Traviata : due serate da tutto esaurito tra applausi scroscianti. E dal palcoscenico casalingo, al nostro artista si aprirà una brillantissima carriera che lo porterà a calcare i teatri più prestigiosi d' Italia e d'Europa. Dal 1911 si dedicherà all'insegnamento aprendo una scuola di canto dapprima a Bologna e in seguito a Milano dove resterà sino al 1937, anno in cui fa ritorno a Bologna. Per sfuggire ai bombardamenti della sopraggiunta guerra mondiale, si rifugia nella vicina Monte San Pietro, dove però trova morte naturale il 12 novembre 1943 all'età di 76 anni».
Giovedì 11 ottobre 2018 alle 19:27:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




VIDEOGALLERY

-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News