Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Scuola, Uil: «perché chiudere delle eccellenze?»

Il sindacato chiede all'assessore all'istruzione di rivedere la soppressione della Massa 2

Scuola, Uil: «perché chiudere delle eccellenze?»
Massa - La Uil scuola esprime contrarietà alla proposta di soppressione della direzione didattica Massa 2 con dimensionamento dell’Istituto comprensivo Malaspina Staffetti di Massa.

«I motivi di questa contrarietà - scrive il sindacato -si possono riassumere in inopportunità agli esiti scolastici. I due istituti coinvolti sono eccellenze per l’istruzione relative alla città di Massa e non mostrano affatto problematicità. Ci risulta che anche le prove invalsi li pongano al di sopra dei livelli nazionali».
«Inopportunità per mancato coinvolgimento della comunità educante e dei genitori: in una scuola efficace l’adozione di nuove scelte organizzative non dovrebbe prescindere dal coinvolgimento della comunità educante e della stessa utenza; inopportunità in relazione all'occupazione, non ci risultano precise garanzie riguardo al mantenimento di posti di lavoro soprattutto per il personale Ata; sicurezza degli edifici, un piano di “razionalizzazione delle istituzioni scolastiche” riteniamo debba partire da precise verifiche e considerazioni sulla sicurezza degli edifici; mutamento del quadro normativo; la riorganizzazione delle istituzioni scolastiche dovrebbe guardare al nuovo quadro normativo in corso di definizione senza basarsi su norme al momento anacronistiche; reti di scuole, pensare che la continuità, vista come un valore possa realizzarsi all'interno di istituti comprensivi è del tutto anacronistico. Gli alunni infatti possono iscriversi ad una scuola secondaria di primo grado non appartenente all'istituto dove hanno frequentato la scuola primaria. Voler chiudere gli istituti neppure è un valore per i docenti per i quali è utile il confronto con altre realtà. Se lo scopo è quello di favorire la continuità si incentivino quindi le reti di scuole che hanno una ricaduta sia sulla professionalità dei docenti che sulla crescita di competenze degli studente come dimostrano le indagini internazionali Eurydic»

CARLO ROMANELLI
segretario generale Uil Toscana
Mercoledì 10 ottobre 2018 alle 10:11:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News