Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 14.44 del 22 Gennaio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Il Lavello si colora di bianco: nuovo sversamento nel fosso

Mencarelli (M5s): «Il materiale sembra arrivare da condotta abusiva». Benedetti (Fi): «Chiedo all'Arpat di intervenire»

IL FOSSO TRA MASSA E CARRARA
Il Lavello si colora di bianco: nuovo sversamento nel fosso
Massa - Il Lavello è diventato bianco. Un nuovo sversamento è stato segnalato ieri, lunedì, all'interno del fosso che segna il confine tra i comuni di Massa e Carrara. La segnalazione è arrivata via social dalla consigliera del Movimento 5 Stelle Luana Mencarelli che ha pubblicato su Facebook un video inequivocabile che documenta il Lavello colorato di bianco.

«Nuovo sversamento nel canale di materiale biancastro, da condotta apparentemente abusiva – ha scritto la consigliera – per questo motivo anche nel passato non si è giunti al responsabile. La soluzione di sigillare questo scarico potrebbe essere la risposta risolutiva?».

Sull'argomento è intervenuto anche il presidente del Consiglio comunale di Massa, Stefano Benedetti: «Lo sversamento potrebbe essere assimilato a polvere di marmo o sostanze chimiche. Nel merito, chiedo all'Arpat di accertarne la provenienza e il tipo di materiale».

E anche Benedetti interviene su quanto già segnalato dal gruppo regionale di Forza Italia relativamente ai malfunzionamenti del depuratore Lavello 1, corresponsabili secondo l'assessore regionale Federica Fratoni dei miasmi: «È evidente che nell'ambito del mal funzionamento dei depuratori di Lavello vi sono gravi responsabilità delle vecchie amministrazioni e della Regione Toscana con ipotesi anche di spreco di denaro pubblico. Oggi il nuovo depuratore in area ex Cersam non lavora a pieno regime ed è in parte responsabile dei miasmi, poi non è stato ancora accertato il motivo del ritrovamento di pesci morti al confine con l'area ex Farmolpant, tutto ciò a fronte di un investimento di circa 8.000.000 di euro. Stessa cosa dicasi per il vecchio depuratore Lavello 1 che da anni attende interventi strutturali per essere messo in sicurezza. Nel merito, l'attuale amministrazione di Massa si è già attivata nei confronti del gestore Gaia per accelerare i tempi dell'intervento e per far rimuovere i fanghi che da mesi erano la causa principale dei miasmi».
Martedì 8 gennaio 2019 alle 20:31:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News