Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.35 del 25 Giugno 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Amianto all'ex-Mattatoio, appello alla Procura per tutelare la salute pubblica

Il collettivo Massa Città in Comune contro le segherie che non bonificano le coperture rotte: «Residenti in difficoltà a far intervenire le autorità competenti alla repressione di questi fenomeni»

«serve risposta urgente»
Amianto all´ex-Mattatoio, appello alla Procura per tutelare la salute pubblica
Massa - «Finalmente dopo molti decenni l'amianto presente sui tetti dei capannoni dell'Ex Mattatoio è stato rimosso con enorme soddisfazione di tutti gli abitanti della zona che hanno festeggiato l'evento segnalandoci come alcune grosse conflittualità restino irrisolte». Massa Città in Comune chiede l'intervento della Procura della Repubblica per la tutela della salute pubblica.

«La scorsa settimana - scrive Massa Città in Comune - a quanto ci hanno raccontato, ci sono stati duri scontri verbali fra alcuni residenti e soggetti che, non si sa a quale titolo, stanno tentando di riaprire una segheria sottoposta a fermo amministrativo; segheria tra l'altro che avrebbe serissime problematiche inerenti una copertura in amianto completamente sventrata e su cui il Comune di Massa sembrerebbe aver inviato segnalazione alla Procura della Repubblica».

«Sempre in quell'area, un'altra attività marmifera, anche essa con una copertura in amianto mai incapsulata e su cui gli uffici comunali hanno inviato da anni una segnalazione alla Procura della Repubblica, è oggetto di segnalazione da parte dei residenti per la presunta violazione degli orari di lavorazione addirittura durante la notte. I residenti inoltre trovano difficoltà a far intervenire le autorità competenti alla repressione di questi fenomeni, anche il sabato pomeriggio dopo le 14 quando pare sia impossibile comunicare con il numero verde della Polizia Municipale per chiedere interventi a tutela dei propri diritti».

«Un ulteriore caso degno di interesse che ci hanno mostrato è la copertura in amianto di un capannone di proprietà di una nota famiglia di imprenditori del marmo carrarini, sembrerebbe che il Comune di Massa abbia faticato non poco ad avere risposte in merito allo stato di conservazione delle coperture senza peraltro avere risposte al riguardo. Anche in questo caso la documentazione avrebbe trovato la strada della Procura della Repubblica. La difesa della salute pubblica in un'area che a breve vedrà l'inserimento di 35 famiglie dovrebbe essere una priorità delle autorità politiche e giudiziarie. La bonifica delle coperture in amianto rotte e non certificate, come previsto dalla legge, e che non trova risposta, ci fa gridare allo scandalo. Non è accettabile che si faccia finta di nulla proprio laddove verranno inseriti decine di nuclei famigliari».

«Ci sentiamo di dover rivolgere un pressante invito alla Procura della Repubblica affinché dia le risposte che gli abitanti della zona chiedono da anni. L'amianto di questi tre siti industriali è sicuro? Possono le persone continuare a pensare che ogni famiglia ha avuto malattie tumorali a causa della volatilità delle polveri di amianto? Crediamo serva una risposta forte e urgentissima».
Mercoledì 27 febbraio 2019 alle 11:32:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


Sondaggio

Sei favorevole o contrario alla riapertura al traffico nel centro storico di Massa?

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News