Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 12.51 del 20 Febbraio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Terapia intensiva troppo piccola e pazienti trasferiti in altri reparti»

Il sindacato degli infermieri NurSind interviene duramente contro l'Asl: «Tutto questo a discapito della salute dei pazienti»

i nodi della sanità
«Terapia intensiva troppo piccola e pazienti trasferiti in altri reparti»
Massa - «NurSind vuole denunciare all'opinione pubblica il fallimento, a danno di infermieri e cittadini, delle politiche sanitarie regionali. Da più di un anno, all’interno dei reparti di area medica, di terapia intensiva e di sub intensiva si lavora in situazioni al limite del surreale». Dopo la Uil, sull'argomento interviene anche il sindacato delle professioni infermieristiche NurSind di Massa-Carrara.

«NurSind – fanno sapere – ha denunciato più volte che l'Ospedale delle Apuane risulta essere troppo piccolo e che, ad oggi, non esistono strutture adatte a gestire tutti i cittadini della provincia affetti da patologie respiratorie croniche che si riacutizzano. Di norma, all'interno dell'Ospedale delle Apuane la terapia intensiva dovrebbe ospitare pazienti in condizioni critiche ed un infermiere assistere due pazienti, in terapia sub intensiva vi dovrebbero essere pazienti in condizioni non critiche ma ancora instabili e un infermiere assistere quattro pazienti, nei reparti di area medica vi dovrebbero essere pazienti in condizioni di salute stabili e un infermiere assistere dai sei agli otto pazienti».

«In realtà – proseguono dal sindacato degli infermieri – poiché la terapia intensiva non è abbastanza ampia per accogliere tutti i pazienti della provincia, questi vengono destinati alla terapia sub intensiva e, di conseguenza, i pazienti che dovrebbero stare lì vengono spostati nelle aree mediche. Inoltre, il personale infermieristico non solo non viene numericamente adeguato alla tipologia dei pazienti e formato a gestirli ma viene addirittura abbandonato dalla Azienda Usl Toscana Nord Ovest. Tutto questo a discapito della salute dei pazienti e della sicurezza degli infermieri. A fare da contorno all’attuale situazione, vi è una carenza cronica di infermieri ed Oss nonché un problema strutturale».

«Le camere di degenza dei reparti – conclude NurSind – sono costruite per accogliere tipologie di pazienti con determinate caratteristiche e che necessitano di macchinari e ausili specifici, pertanto se un paziente viene ricoverato in un reparto non idoneo il personale infermieristico riscontra grosse difficoltà nella gestione degli stessi. Ad oggi ancora non esistono proposte concrete per risolvere i problemi da parte della Usl Toscana Nord Ovest ma solo richieste di sacrifici al personale infermieristico».
Venerdì 1 febbraio 2019 alle 12:26:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News