LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 14.48 del 20 Giugno 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Lavello: Avviati i lavori che iniziano con la bonifica bellica

Il Consorzio 1 Toscana Nord fa il punto sull'andamento dei lavori del Lavello e illustra il primo passo previsto dal progetto

Lavello: Avviati i lavori che iniziano con la bonifica bellica
Massa - Avviata sotto la supervisione dell'Autorità Militare, l'operazione di bonifica bellica preventiva sul Lavello, un'attività di ricerca specifica, finalizzata all'individuazione di ordigni inesplosi. L'azione, prevista dalla normativa vigente, riguarda i cantieri interessati da attività di scavo in siti sensibili, ed è un atto dovuto per la sicurezza sui luoghi di lavoro.
"Manteniamo gli impegni assunti durante l'assemblea con cui abbiamo presentato il progetto di dragaggio del Lavello ai cittadini, e per questo vogliamo informarli sullo stato di avanzamento dei lavori - spiega il presidente del Consorzio di Bonifica Toscana Nord, Ismaele Ridolfi - Il cantiere è stato consegnato alla ditta che si è aggiudicata la gara d'appalto e la procedura dei lavori è partita come da cronoprogramma. Prima di Natale attendiamo il via libera dal Genio Militare e da quel momento la ditta potrà iniziare ad occupare l'area e avviare la ricerca di reperti inesplosi e quindi procedere con il dragaggio del fondale."
L'intervento sul Fosso Lavello, finanziato per 900.000 euro dalla Regione Toscana nel Documento Operativo Difesa del Suolo e per 100.000 euro dal Consorzio bonifica Toscana Nord, prevede lo scavo dei fanghi sul lungo tratto che va dalla Via Dorsale fino al mare, compresi gli attraversamenti e i ponti. Un intervento richiesto a gran voce dai residenti e dalle Istituzioni, al quale il Consorzio si è interessato fin dal 2015, progettando i lavori e avanzando la richiesta di finanziamento regionale. "Questa opera che andiamo a fare sul Lavello è veramente importante per la sicurezza idraulica di Massa e Carrara - conclude Ridolfi - La rimozione dei fanghi su una superficie così estesa, riporterà il canale alla sua ampiezza originaria, migliorando notevolmente la funzionalità idraulica e il deflusso delle acque verso mare, contribuendo inoltre anche a riqualificare il fondale e quindi l'ecosistema acquatico."
Lunedì 27 novembre 2017 alle 11:30:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News