Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 21.13 del 18 Dicembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Aids ben presente a Massa-Carrara. Gli studenti del Salvetti ne parlano coi loro coetanei

I ragazzi dell'istituto massese sono intervenuti a Genova nel corso del 31° convegni nazionale dell'Anlaids. Nella provincia apuana tra il 2017 e i primi sei mesi del 2018 i nuovi casi sono stati 35

più consapevolezza e meno "leggende"
Aids ben presente a Massa-Carrara. Gli studenti del Salvetti ne parlano coi loro coetanei
Massa - L’istituto Salvetti Barsanti di Massa protagonista al 31° Convegno Nazionale Anlaids Onlus che si è svolto venerdì 23 novembre all’Auditorium dell’Acquario al Porto Antico di Genova, in vista della Giornata Mondiale dell'Aids il prossimo 1° dicembre. All’importante evento organizzato da Anlaids erano presenti oltre 350 studenti delle scuole superiori liguri, toscane e laziali, che si sono confrontati sul tema dell’Hiv con gli specialisti del settore, e la “community”.

Un problema quello dell'Aids ancora ben presente nella provincia di Massa-Carrara: dagli ultimi dati disponibili, infatti, risulta che nel 2017 i nuovi casi sono stati 28 mentre nei primi sei mesi del 2018 sono stati 7, per un totale di 35 persone colpite da Aids in terra apuana.

«Sono stati tantissimi gli studenti che hanno preso parte al progetto scuola “Let’s Talk About It – I giovani parlano di Hiv ai giovani”, - dichiara il consigliere nazionale di Anlaids Liguria e, primario di infettivologia all’ospedale Galliera professor Giovanni Cassola – che abbiamo voluto organizzare per mettere in luce i dubbi e le incertezze di una generazione digital che si informa, quasi esclusivamente usando internet, con tutti i pericoli del web e delle fake news della rete, come ha evidenziato anche l’indagine illustrata dal presidente della Simit professor Massimo Galli. Durante l’evento sono stati resi noti inoltre i dati di uno studio, svolto sempre dalla nostra assocazione a livello nazionale su un campione di circa 14mila ragazzi interrogati dal 2013, che ha permesso di verificare la consapevolezza su Hiv/Aids, ma anche abitudini ed esigenze in ambito sessuale, uso del preservativo, conoscenza delle altre malattie sessualmente trasmissibili».

Un’inchiesta completa quella di Anlaids che è stata anche uno strumento, grazie alla somministrazione di questionari a risposta multipla ad alunni prevalentemente del terzo anno della scuola media superiore, per individuare differenze tra generi, età, tipologie di scuola, famiglie italiane e straniere. Interessante infine il dato emerso che conferma che la precocità del debutto sessuale si associa ad altri comportamenti considerati ‘da adulti’, come il fumo o il consumo frequente di alcol.

«Tra i dati emersi, per esempio - sottolinea Bruno Marchini, Presidente Anlaids - si è visto che nei giovani che provengono da famiglie praticanti la religione ricorrono maggiori difficoltà ad affrontare tematiche legate alla sessualità e ai dispositivi di prevenzione. In particolare, in una gran parte degli intervistati resistono forti sacche di stigmatizzazione e di completa disinformazione: c’è ancora chi crede che l’infezione possa essere trasmessa da insetti, mentre molti tendono a confondere strumenti di prevenzione con anticoncezionali, per cui si ritiene che con la pillola, ad esempio, si possa evitare l’acquisizione di infezioni trasmesse sessualmente».
Lunedì 26 novembre 2018 alle 12:38:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

A Massa tutte le sedute di Consiglio comunale si apriranno con l'inno nazionale. Sei favorevole o contrario?

Quanto spenderai per i regali di Natale?




























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News