Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 11.13 del 10 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Una maturità diversa senza la vicinanza dei compagni di classe»

Un anno scolastico particolare giunte al termine. Le impressioni di un giovane maturando del liceo scientifico.

l'esame a massa
«Una maturità diversa senza la vicinanza dei compagni di classe»
Massa - Una maturità senza esami scritti e senza il compagno di banco a suggerirti le risposte corrette. Quella di ieri anche in provincia è stata una maturità senza plexiglas ma con modalità totalmente nuove. A partire dalla disposizione dei professori: uno schieramento di docenti seduti ad almeno 2 metri di distanza dai maturandi.
Questa è l'immagine che ieri mattina si sono ritrovati davanti agli occhi i maturandi dell'anno scolastico 2019-2020. Un'immagine inedita per un anno scolastico iniziato in un modo, con delle prassi e delle abitudini ben radicate, e terminato in un altro, inedito e a tratti decisamente confuso.
Anche il mondo della scuola nel bel mezzo della pandemia in qualche modo però è andato avanti. E messa da parte l'ansia per i mesi trascorsi a casa, ieri mattina studenti e studentesse si sono presentati all'ingresso del proprio istituto scolastico, pronti per affrontare i 50 minuti di esame orale che li avrebbero attesi.
Cinquanta minuti per parlare di tutte le materie studiate durante l'anno. Eppure, nonostante la complessità dell'esame, a sentirli non sembra essere andato così male. Merito loro, certo, ma anche dei professori, spiegano, che stavolta si sono mostrati ben più comprensivi del solito.

«Quando sono entrato in aula - racconta la sua esperienza, Emiliano Marku del liceo scientifico - ho trovato i professori sistemati a distanza di circa due metri da me a mò di anfiteatro. Ho indossato la mascherina anche se non era obbligatorio e l'ho abbassata solo quando mi è stata fatta una domanda alla quale non sapevo rispondere. Ci tenevo a far capire subito che non la sapevo. Ma i professori erano molto gentili». Affrontare i 50 minuti di esame orale, racconta, non è stato proprio semplice. «Essendo un'unica prova generale devi dare il massimo in quei 50 minuti. Diciamo che nel vecchio modello c'erano più possibilità di sciogliere l'ansia. Chi ne soffre può risentirne con questo modello». Poi un pensiero alle ultime settimane di scuola con la didattica a distanza. «A me è dispiaciuto molto terminare così l'anno scolastico. Alla fine dopo cinque anni vissuti con queste persone, con i miei compagni di classe, credevo di poter condividere con loro anche queste ultime giornate».
Giovedì 18 giugno 2020 alle 07:00:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News