Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 12.14 del 7 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«La cassa integrazione tarda ad arrivare, temiamo lo smantellamento di Sanac»

Le Rsu denunciano ritardi nella liquidazione degli indennizzi. E si appellano all'amministrazione del gruppo

Lavoro
Massa - Lo scorso anno chiedevano la garanzia di ricevere mensilmente quella sorta di stipendio che è la cassa integrazione. Invece, come nelle peggiori delle ipotesi, anche l'indennità tarda ad arrivare. Alla Sanac i vecchi problemi causati dalla mancanza di un accordo definitivo con ArcelorMittal si sommano a quelli nuovi. Dallo stabilimento gli operai in cassa integrazione fanno sapere di non aver ricevuto ancora il sostegno economico che spetterebbe loro dal mese di dicembre, e di viaggiare, ancora, a vista, nella turbolenta vicenda che lega il gruppo alla città di Taranto.

«L'amministrazione straordinaria ci riferisce che ha inoltrato la richiesta di indennità – spiega Andrea Bordigoni a nome delle Rsu di Sanac – l'Inps replica che ci sono alcuni intoppi nella liquidazione. Nel mezzo però ci siamo noi, i lavoratori». Ciò che temono è il lento smantellamento dell'impianto. Per questo si rivolgono agli amministratori del gruppo affinché non permettano che Sanac venga chiusa.

«Abbiamo bisogno di un ufficio commerciale, di manutenzione e di sviluppo perché ad oggi non si sa cosa farà ArcelorMittal con Sanac. Quindi cerchiamo di tutelare il lavoro anche se non dovesse comprarci, e perché un amministrazione straordinaria se deve condurci ad una vendita lo deve fare in condizioni ottimali». Intanto quel legame invisibile, ma reale, tra Sanac e l'ex Ilva, emerge in tutta la sua ambiguità. A Taranto gli operai in Cig percepiscono il 70% degli importi, mentre a Massa gli operai dello stabilimento che ne usufruiscono si fermano al 50. Un aspetto, non di poco conto, che secondo quanto riportano i sindacati dovrebbe risolversi in questo mese con l’approvazione del decreto Milleproroghe che darà agli operai Sanac “la possibilità con le spettanze di febbraio (percepite a marzo) di poter procedere non solo all’integrazione (del 20% dell'importo) ma anche agli arretrati”. Sempre che la burocrazia non si metta di traverso. «Il mondo va avanti – commenta Bordigoni – al momento abbiamo poco lavoro e se continuirà così ne avremo sempre meno. La nostra paura è quella di un lento smantellamento, per questo chiediamo al Governo di tutelarci».
Venerdì 21 febbraio 2020 alle 21:28:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Serricciolo?




















Chi è il miglior giocatore del Don Bosco Fossone?























Coronavirus, mascherina obbligatoria in Toscana. Tu sei d'accordo?

















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News