Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Al Noa caos nei reparti di rianimazione e sub intensiva, ora basta»

La denuncia arriva da Claudio Salvadori della Uil: «L'Asl avrebbe deciso i lavoratori dei due settori dovrebbero darsi il cambio. Qui si gioca sulla pelle dei pazienti»

i nodi della sanità
«Al Noa caos nei reparti di rianimazione e sub intensiva, ora basta»
Massa - “Non è possibile andare avanti così. Anche stamani sono al Noa per il solito caos nell’organizzazione. I dipendenti ci riferiscono che la dirigenza locale di comparto dell’Usl Toscana nord ovest avrebbe deciso che per due mesi i lavoratori dell’area sub intensiva dovranno darsi il cambio con i colleghi di rianimazione. Tutto senza alcuna concertazione sindacale. Ma stiamo scherzando? Qui si gioca sulla pelle delle persone, dei dipendenti e dei pazienti. Basta!”.

E’ un fiume in piena Claudio Salvadori, segretario Uil Fpl Massa-Carrara, ancora una volta chiamato d’urgenza dai lavoratori dell’ospedale apuano. “L’azienda continua a cambiare i servizi, a riorganizzare funzioni e mansioni ignorando completamente le relazioni sindacali. Si muove in maniera unilaterale e non si può andare avanti così. In questo ‘scambio’ fra reparti si spostano lavoratori da sub intensiva a rianimazione e viceversa. Si tratta di ambienti dove il personale deve essere formato per le specifiche esigenze, non è come spostare qualcuno dall’ufficio francobolli alle stampe. E questo è quanto lamentano i lavoratori solo stamani – prosegue Salvadori -. Un altro esempio è dei giorni scorsi e riguarda l’area medica. Non ci siamo messi al tavolo neppure per affrontare le emergenze delle cosiddette ‘assenze improvvise’. E non finisce qua: in questi giorni stiamo distribuendo fra i lavoratori dei moduli per la tutela della privacy, per evitare di essere chiamati in servizio se non in regime di reperibilità. E’ un sistema folle: in ogni unità operativa vengono date procedure e disposizioni senza comunicazione ai sindacati”.

Ed è su questo fronte che la Uil Fpl ha intenzione di dare battaglia: “Totale mancanza di relazioni sindacali in sede locale. Una completa mancanza di rispetto dell’articolo 4 del contratto di lavoro che prevede che si deve dare comunicazione delle intenzioni della dirigenza ai rappresentanti dei lavoratori per poi, eventualmente, aprire un confronto sindacale. Muovendosi in maniera unilaterale l’azienda sta creando un enorme caos. Alimenta un malessere fra i lavoratori e peggiora sempre più il clima interno, ormai a livello di guardia. A fronte delle nostre richieste di incontro – conclude Salvadori -continuiamo invece a vedere atteggiamenti censurabili che stiamo valutando di affrontare come comportamenti antisindacali e quindi ci muoveremo di conseguenza”.
Giovedì 31 gennaio 2019 alle 17:14:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News