Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 12.31 del 5 Agosto 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Italia Veloce, iter semplificato per ponte di Albiano e Pontremolese. Rossi: "Speriamo sia la volta buona"

Conferenza stampa di Conte per la presentazione del decreto dedicato alla semplificazione per l'apertura dei cantieri nel paese.

infrastrutture
Massa-Carrara - Conferenza stampa per la presentazione del nuovo decreto dedicato alla semplificazione denominato: Italia veloce.
Nell'atto sono comprese anche una serie di opere, 130 in totale, considerate prioritarie per lo sviluppo del paese. I progetti di 36 di queste opere, fra le quali la costruzione del nuovo viadotto di Albiano, saranno commissariati dal Ministero delle infrastrutture e trasporti.
A rientrare tra quelle comprese nel decreto, anche la Pontremolese, la rete ferroviaria che dovrà collegare Parma con la dorsale Tirrenica.

Il presidente della regione, Enrico Rossi:"Speriamo sia la volta buona"

“Speriamo che sia la volta buona. Per quello che si può sapere fino a questo momento, in tempi di precarietà politica, il decreto semplificazioni sembra operare una svolta storica stabilendo per 130 grandi opere un commissario per accelerarne l’apertura dei cantieri e la realizzazione. Per la Toscana si tratta del completamento del corridoio tirrenico, con l’intervento di adeguamento e messa in sicurezza della Variante Aurelia e con l’intervento di miglioramento della ferrovia Pontremolese; della realizzazione della Darsena Europa nel porto di Livorno; del completamento della Grosseto-Fano e della ricostruzione del ponte di Albiano sul fiume Magra”.

Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, commenta positivamente la notizia dello sblocco dei cantieri di numerose opere strategiche nazionali, alcune delle quali in Toscana.

“Per quanto ci riguarda – prosegue - dico che noi siamo pronti a metterci subito al lavoro perché questi cantieri partano al più presto. Ci sono capitoli che sono stati aperti per troppo tempo e che adesso vanno chiusi. E c’è una carta per far ripartire il motore della costa toscana, che intendiamo giocare con la massima decisione: nuova darsena a Livorno e corridoio tirrenico dovranno essere il volano per superare il gap tra la Toscana del mare e quella del centro”.
“Questo è il segnale concreto che ci voleva, finalmente la volontà di accelerare la realizzazione di opere fondamentali per la Toscana si traduce in una decisione formale del governo”. Anche l’assessore ai trasporti e infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, commenta con soddisfazione la novità.
"Si tratta di infrastrutture fondamentali per la crescita della Toscana", dice ancora Ceccarelli. "Opere per le quali la Regione si batte con tenacia da anni e dall’apertura dei cantieri potrà anche venire un contributo importante sul piano dell’occupazione in questa complessa fase di ripartenza economica post-covid. Da parte dell’Amministrazione regionale – conclude Ceccarelli – verrà tutta la collaborazione necessaria”.

Giannareli (M5S): La mobilità sostenibile è un diritto

"Da sempre – spiega Giannarelli – abbiamo sostenuto la necessità di potenziare la mobilità su ferro soprattutto nelle zone disagiate. Grande è dunque la soddisfazione dell'inserimento della Pontremolese nelle opere da attuare al più presto. Siamo certi che in breve tempo la linea ferroviaria che collega Parma con la dorsale Tirrenica nei pressi di La Spezia sarà così potenziata ed ammodernata. Il nostro territorio necessita di infrastrutture capaci di reggere la sempre maggiore richiesta formulata da cittadini che desiderano spostarsi con facilità. La mobilità sostenibile è un diritto di ogni persona. Far crescere i collegamenti ferroviari significa anche dare maggiore forza al comparto turistico e innalzare il livello della qualità della vita dei cittadini pendolari. L'ammodernamento della linea Parma-La Spezia ridurrà i tempi di percorrenza per le persone e favorirà il proliferare di convogli merci più moderni."

"La scelta del Governo - conclude Giannarelli - premia il costante lavoro del MoVimento 5 Stelle nei territori periferici e l'incalzante pressing durante gli innumerevoli incontri nei Ministeri a Roma."

Nardi (Pd): "Pontremolese tratta strategica"

"Il raddoppio della ferrovia Pontremolese è stato finalmente sbloccato. Dopo lo stop del precedente governo giallo verde l'infrastruttura, finanziata con il Decreto Rilancio per 93 milioni di euro, è stata ora inserita nel programma :Italia veloce', il piano di investimenti per il rilancio dell'economia messo a punto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che affianca il Decreto semplificazioni": è quanto dichiara la deputata Pd, Martina Nardi.

"Il Governo Gentiloni aveva inserito l'opera nel programma pluriennale degli investimenti di Rfi ma l'opera era stata inspiegabilmente bloccata. Oggi arriva finalmente la conferma del suo completamento: la Pontremolese rappresenta infatti una tratta strategica sia per i pendolari del territorio sia per i collegamenti del Corridoio Tirreno-Brennero ferroviario per il traffico merci": conclude Martina Nardi.

Ferri (Italia Viva): "Fase 3 è quella del rilancio"
"Il Dl sulle semplificazioni approvato ieri notte in Consiglio dei Ministri costituisce un passo in avanti importante". Così Cosimo Maria Ferri, componente commissione giustizia alla Camera dei Deputati. "In questo provvedimento rientra in parte (solo una parte ma è un buon inizio) il piano shock , sblocca cantieri che avevamo proposto al Governo. 120 miliardi di euro già disponibili ma mai utilizzati. Opere ferme per cavilli, burocrazia, difficoltà amministrative, conferenze dei servizi ferme. Insomma un paese bloccato dalla burocrazia. Far ripartire le opere pubbliche vuol dire far ripartire il Paese e farlo ripartire in sicurezza. La fase 3 deve essere quella del rilancio dell’economia partendo proprio dalle infrastrutture.
Abbiamo chiesto al Governo , tra le varie opere, di inserire anche la realizzazione del corridoio tirrenico e la ricostruzione definitiva del Ponte di Albiano Magra, nella lista delle opere pubbliche contenuta nel DL Semplificazioni. Per noi unica strada e’ Semplificare, azzerare la burocrazia e non perdere anni nei rimpalli. Ora i Commissari hanno gli strumenti per passare ai fatti, per dare risposte vere e concrete ai cittadini “.

Il Partito Democratico di Massa-Carrara
"Mentre altre forze politiche organizzano passerelle e polemiche di piazza, cercando solo visibilità nella contrapposizione, il Partito Democratico a livello territoriale in sinergia con il Nazionale ed il Governo si è impegnato affinchè nel decreto semplificazione votato ieri sera dal CdM vengano inserite 3 importanti opere pubbliche strategiche che incidono molto per la nostra Provincia. Ci riferiamo alla ricostruzione del Ponte di Albiano Magra, al completamento della dorsale Tirrenica autostradale e al completamento della Pontremolese. Il PD grazie al lavoro di confronto tra territorio e Governo e all'impegno profuso dai suoi rappresentanti istituzionali, ha avuto parte determinante nell'ottenere tali investimenti pubblici" .
"E' con tanta soddisfazione che vediamo premiato il nostro impegno quotidiano - dice Giada Moretti, assessore albianese ad Aulla e Presidente PD Regionale - il continuo contatto con la Ministra De Micheli e l'on.Martina Nardi ed il suo staff, e le sinergie locali, regionali, e nazionali, ha portato il nostro territorio ad avere la giusta considerazione sul piano Nazionale". Anche il segretario provinciale Manenti si esprime positivamente: "Inserire 3 opere strutturali diverse, Ponte, strade e ferrovia, all'interno delle 50 opere italiane, che avranno carattere di urgenza e attraverso lo strumento del commissario pubblico potranno procedere spedite nella loro realizzazione, è frutto del lavoro quotidiano che i dirigenti del Partito Democratico, a tutti i livelli, hanno espresso in questo delicato momento per il nostro Paese". Il programma, "salvo intese", previsto dal decreto, quando avrà la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, avrà la priorità di esecuzione, di intervento e di finanziamento completo, delle opere previste, ed al di là della polemica spicciola fatta di propaganda elettorale, nella quale si richiama il "modello Genova", (modello che in realtà è irripetibile e che ha avuto un concorso di energie tra pubblico e privato, come il "regalo" del progetto da parte di Renzo Piano) possiamo affermare che i commissari prescelti per ciascuna opera avranno facilitazioni e tempi di esecuzione molto simili a quelli del Ponte Morandi".


Martedì 7 luglio 2020 alle 17:41:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News