Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 15.26 del 26 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Elezioni 2018, intervista a Massimo Mallegni (FI): «Esporterò il modello Pietrasanta»

«Per uscire dalla Bolkestein serve un disegno di legge. La flat tax? Unica soluzione»

Elezioni 2018, intervista a Massimo Mallegni (FI): «Esporterò il modello Pietrasanta»
Massa-Carrara - Massimo Mallegni è stato sindaco di Pietrasanta per tre volte. Imprenditore turistico. E’ candidato al Senato della Repubblica per il centro destra nel collegio uninominale Toscana 5 (Lucca e Massa Carrara) e al proporzionale nel collegio Toscana 1 (Lucca, Massa Carrara, Pistoia, Prato e Firenze). Lo abbiamo intervistato per i nostri lettori.

Come ha maturato la decisione della sua candidatura?
Avrei potuto restare al mio posto fino all’accettazione della candidatura, approfittare della posizione di primo cittadino per fare campagna elettorale. Ma non l’ho ritenuto serio. Io ho un’impresa, non ho bisogno di restare incollato alla poltrona. È stata una delle decisioni più complicate della mia vita. Credo di sapere dove mettere le mani per migliorare l’efficienza dei comuni, per portare più risorse al nostro territorio. Vorrei applicare lo stesso approccio del sindaco a quello del senatore.

Stando a un recentissimo sondaggio, il gradimento dei suoi concittadini nei confronti dell’amministrazione uscente supera il 61%. Ritiene che il “modello Pietrasanta” sia esportabile?
È assolutamente così. Il modello è replicabile, esportabile, condivisibile, ma è la politica che ha gestito il territorio che deve cambiare. Nel 2000, quando sono stato eletto sindaco per la prima volta dopo un mandato da consigliere comunale, Pietrasanta era nella stessa condizione di Massa e Carrara oggi. Aveva sempre governato la sinistra, con me le cose sono cambiate. Sono tornato nel 2015 e in due anni e mezzo abbiamo rimesso la città sulla giusta strada dopo un mandato inconsistente.

Lei è proprietario di uno stabilimento balneare e si è espresso in più occasioni contro la direttiva Bolkestein. Intendete uscirne? Come?
La direttiva Bolkestein è una direttiva servizi e gli stabilimenti balneari e gli ambulanti ne sono esclusi perché non sono servizi ma beni. È stata fatta tantissima confusione. In questi anni il PD ha fatto in modo che queste due economie venissero cancellate dal sistema produttivo italiano. I grillini invece sono addirittura per le aste, per mandare all’aria un sistema formato da 30mila imprese e che occupa 1 milione di posti. Il primo obiettivo che io e Debora Bergamini ci siamo prefissati è di predisporre un disegno di legge concordato con tutta la maggioranza che porti definitivamente fuori dalla direttiva sia gli stabilimenti balneari che gli ambulanti. In questi anni abbiamo fatto una battaglia.

Lei ha affermato che “non è possibile che Massa Carrara, a soli 8 chilometri da Pietrasanta, non abbia sviluppo e prosperità” equiparabili. Qual è la sua ricetta per rilanciare le imprese e l’occupazione?
Cambiare la classe dirigente e provare a dare un’alternativa al territorio. Evidentemente il clientelismo è troppo forte e radicato per scardinare il sistema. Serve una visione di macroarea, da Marina di Carrara a Torre del Lago. Da 50 anni qui governano sempre i soliti, ad eccezione di Carrara che da un anno è amministrata dai 5 Stelle e che osservo con molta attenzione, ma che al momento stanno disattendendo le aspettative.

Non crede che la flat tax agevolerebbe le classi di reddito più alte, penalizzando i lavoratori dipendenti e il ceto medio?
I social fanno una cattiva informazione. Prima della nostra proposta tutti a dire che la riduzione della pressione fiscale è una priorità, ora il contrario, ma semplicemente perché abbiamo proposto una rivoluzione fiscale decisiva per il futuro. La flat tax è indispensabile. Non conosco altro strumento per creare occupazione diverso dalle imprese. Non possiamo pensare di essere assunti presso enti pubblici. La priorità è abbassare le tasse a tutti, imprese e famiglie.
Mercoledì 28 febbraio 2018 alle 19:45:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News