Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 13.32 del 23 Gennaio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Continui guasti ai bus apuani: la questione arriva in Regione

Marchetti (Fi) presenta un'interrogazione: «Non può essere una roulette russa quotidiana». Giannarelli (M5s): «Situazione non più sostenibile. Salvaguardare incolumità lavoratori e passeggeri»

incendi e rotture dei freni
Continui guasti ai bus apuani: la questione arriva in Regione
Massa-Carrara - Per i bus di Carrara la prossima fermata è in Regione Toscana: merito di un’interrogazione appena presentata dal Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti, letteralmente indignato dopo i due guasti che ieri mattina, come riportato dalla stampa locale, hanno messo a repentaglio utenza e autisti. Marchetti lo ripete da sempre: "Affidare i propri spostamenti a un mezzo pubblico pagando il regolare biglietto o l’abbonamento non può essere una roulette russa quotidiana".

Ora però: "Incendi a bordo e rottura del sistema frenante durante le corse rappresentano un livello di rischio intollerabile sia per chi guida che per chi viaggia". Ecco dunque scattato l’atto formale che proietta sui tavoli dell’organo di governo toscano lo stato delle flotte e i disagi quotidiani patiti dai carraresi. Marchetti chiede alla giunta di mettere nero su bianco "quali iniziative urgenti intendano adottare presso Ctt Nord al fine di assicurare a utenza e lavoratori condizioni di viaggio efficaci, efficienti, puntuali e sicure nel territorio di Carrara e, più in generale, lungo tutte le tratte servite dall’Azienda" e anche "i dati su quantità dei mezzi in servizio presso Ctt Nord, loro anagrafica, dettaglio sul numero di guasti e sinistri sia rilevati in deposito che avvenuti su strada", così da avere un’idea complessiva del fenomeno.

Prima dei quesiti, però, il Capogruppo regionale di Forza Italia riassume i termini della questione raccontando di avere appreso dalla stampa "di ben due eventi avversi verificatisi nella giornata di ieri (lunedì, ndr) a Carrara sui bus di trasporto pubblico locale di Ctt Nord", e in particolare: "Linea extraurbana 50 (Carrara Ospedale – Colonnata), guasto al differenziale del motore e conseguente principio d’incendio, con allontanamento delle persone a bordo e intervento di spegnimento da parte dei vigili del fuoco; Linea urbana 52 (Carrara Ospedale – Marinella), guasto ai freni, intervento dell’autista con azionamento freno a mano".

"A ciò – elenca ancora Marchetti – si aggiunge l’aggressione verbale ai danni di uno degli autisti, sempre nella mattinata di ieri secondo la fonte sopra citata, da parte di un utente che non riusciva a raggiungere il suo posto di lavoro se non con ritardo di oltre mezz’ora". Lo scenario è quello di una mattinata di ordinaria odissea, e nell’interrogazione l’esponente di Forza Italia lo scrive chiaro: "Disfunzioni, guasti, cancellazioni e disservizi nei collegamenti su gomma nell’area di Carrara si ripetono con frequenza impressionante e pressoché quotidiana". "Simile catena disfunzionale – sottolinea Marchetti nel suo atto – oltre a negare il diritto a una mobilità efficiente ed efficace a quanti pagano regolarmente il titolo di viaggio, biglietto o abbonamento, metta a repentaglio l’incolumità di passeggeri e personale in misura del tutto inaccettabile". Dunque i quesiti di cui sopra, a cui la giunta toscana dovrà adesso rispondere entro due mesi secondo regolamento.

E sull'argomento interviene anche il capogruppo del M5s in Regione, Giacomo Giannarelli: “La situazione non è più sostenibile. Occorre un radicale cambiamento nelle politiche associate ai lavoratori del trasporto pubblico locale su gomma. Molti, troppi – spiega Giannarelli – sono i casi che evidenziano la mancanza di sicurezza: dipendenti del Tpl toscano si sono rivolti a noi denunciando tentativi di aggressione. Senza considerare lo stato dei mezzi: Spesso – prosegue – ritenuti pericolosi da chi deve manovrarli”. Il Movimento 5 stelle richiede siano implementati i controlli al parco macchine, così come “è evidente la necessità di dar vita a tutta una serie di accorgimenti che mirino alla salvaguardia dell’incolumità di autisti, personale viaggiante e passeggeri”.

Intanto ieri pomeriggio a palazzo Panciatichi, Giannarelli ha incontrato i rappresentanti del sindacato Slm Fast Confsa Ataf. Seguiranno altri incontri con rappresentanti di sigle sindacali e lavoratori dell’area Toscana.
Mercoledì 19 dicembre 2018 alle 10:14:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News