Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 19.17 del 16 Ottobre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Una lettera dal Ministero per la verifica dei ponti di Massa-Carrara»

L'ha detto il presidente della Provincia Lorenzetti nel corso dell'acceso dibattito sul tema migranti e Sprar che si è svolto alla Festa dell'Unità Progressista

DOPO LA TRAGEDIA DEL PONTE MORANDI
«Una lettera dal Ministero per la verifica dei ponti di Massa-Carrara»
Massa-Carrara - A breve il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti invierà anche in provincia di Massa-Carrara una lettera in cui si chiederà a tutti gli enti locali (comuni e Provincia) di procedere alle verifiche su tutti i ponti di competenza. L'ha annunciato il presidente della Provincia (e sindaco di Montignoso) Gianni Lorenzetti nel corso dell'acceso dibattito sui migranti, accoglienza e integrazione alla Festa di Mdp al Parco di Ricortola. Quindi nei prossimi giorni vedremo come i vari enti locali apuani intenderanno procedere con i controlli che, dopo il ponte Morandi di Genova e la tragedia che ne è conseguita, sembrerebbero non più rinviabili, come peraltro le relative manutenzioni.

SPRAR, LORENZETTI E DE PASQUALE SFIDANO MASSA: «INUTILE USCIRE DAL PROGRAMMA»
Gestire l'immigrazione con seri progetti di integrazione e con numeri contenuti si può e quel sistema si chiama Sprar: un modello da potenziare, sviluppare ed espandere, non da cassare come invece ha proposto il nuovo sindaco di Massa, Francesco Persiani. E', in sintesi, quanto emerso dal primo dibattito, intitolato “La questione migrante come questione di civiltà” che ha dato il via alla seconda Festa dell'Unità Progressista organizzata da Articolo Uno – Mdp al Parco di Ricortola. All'incontro, coordinato da Claudia Faita (Mdp), hanno partecipato don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro (Pt), Gianni Lorenzetti, sindaco di Montignoso, il sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale, del Movimento 5 Stelle, Matteo Bartolini, presidente Arci Massa Carrara, Luca Marzario, dell'Accademia della Pace, e Paolo Vannucci della Caritas. Il dibattito è stata un'occasione per discutere sul tema dell'immigrazione dando voce a chi quotidianamente lavora con fatica attuando politiche di accoglienza. Don Massimo ha raccontato la storia della sua comunità e del suo progetto di integrazione, che per grandezza numerica coinvolge tutta la realtà di Vicofaro. Nel suo agire ha rivendicato le parole del vangelo e ha attaccato la strumentalizzazione politica che viene fatta delle sacre scritture, con un richiamo al Ministro dell'interno, Matteo Salvini, considerandola una blasfemia che produce odio. Sono stati poi i sindaci di Carrara e Montignoso, De Pasquale e Lorenzetti, a entrare nel vivo del dibattito politico e ad accendere la discussione: i due primi cittadini, seppure da due punti di vista politici differenti (5Stelle a Carrara e Partito democratico a Montignoso), hanno ribadito le difficoltà delle amministrazioni locali, oberate di responsabilità che spesso non sanno come gestire perché carenti di risorse. Entrambi convinti della bontà dello Sprar che porteranno avanti nei loro comuni, sostituendosi, se necessario, al vuoto che dovrebbe lasciare la giunta appena insediata nel Comune di Massa. “Lo Sprar è il metodo che consente di calmierare i flussi perché ogni comune può prendere al massimo 1 profugo ogni tot abitanti – ha dichiarato poi Lorenzetti -. E con numeri contenuti si può fare accoglienza, integrazione, in maniera adeguata e gestibile. Dire 'no' allo Sprar a Massa serve solo come propaganda perché poi ci sono 200 migranti che stanno comunque qua: i prefetti ce li mandano e il sindaco non può farci nulla. E a poco servono le piazzate contro migranti e venditori abusivi sulla spiaggia. Io i vigili a correre dietro alla gente che vende le borsette al mare non ce li mando: non porterà voti ma non mi interessa” ha concluso Lorenzetti, contestando così i blitz anti abusivi effettuati a più riprese sul litorale di Massa. I rappresentanti di Accadema della Pace e Arci hanno portato poi le loro esperienze di accoglienza. “Rinunciare allo Sprar – ha precisato Bartolini – significa solo rinunciare ai soldi che il Ministero mette a disposizione dei comuni per queste attività e ai bonus senza vincolo di destinazione che potrebbero essere utilizzati per carceri, periferie, indigenti e Caritas”. E' stato il rappresentante della Caritas a evidenziare poi alcuni numeri sulla povertà che sempre più attanaglia il territorio: “La mensa dei poveri di Massa in pratica ogni giorno offre 46 vassoi per un pranzo completo, più i panini che per molti diventano la cena. Chi si rivolge a noi è per metà italiano e per metà straniero. Fra gli italiani c'è anche tanta vergogna: magari viene il capo famiglia, mangia un pasto e ne porta via 2 o 3, per tutta la famiglia. Per quanto riguarda i pacchi alimentari, circa 60 al mese, sono in gran parte per famiglie italiane. C'è anche chi viene per fare la doccia perché ormai gli hanno staccato gas e corrente. E i numeri sono in netta crescita mentre mancano i volontari”. Il dialogo si è concluso con un appello della coordinatrice, Claudia Faita esponente di Mdp, la quale esorta la politica e le parti sociali a continuare a dialogare per perseguire insieme questi obiettivi comuni e far tornare la sinistra ad essere portatrice di quei valori di civiltà che le sono propri.

IL PROGRAMMA DI MARTEDÌ 21 AGOSTO
La festa prosegue domani, martedì 21 agosto, con “Il turismo necessario, il turismo possibile”: coordina Luca Tedeschi, intervengono Barbara Lippi (Proloco Marina di Massa), Sebastiano Salaro (segretario generale Filcams Cgil), Elena Mosti (consigliere comunale), Massimo Marcesini (Centro studi Camera di commercio), Marco Lucetti (Agepark), Fiorenza Puccetti (Confimpresa Alberghi), Itala Tenerani (Riviera Apuana).
Lunedì 20 agosto 2018 alle 22:36:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




VIDEOGALLERY

-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News