Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 19.49 del 21 Gennaio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Stop al cibo anonimo: anche Babbo Natale firma la petizione

Coldiretti Massa-Carrara mette sotto l’albero raccolta firme e filiera corta. Ferrari: «A Natale scegliamo i prodotti locali e occhio all’etichetta»

l'iniziativa per le feste
Stop al cibo anonimo: anche Babbo Natale firma la petizione
Massa-Carrara - Stop al cibo anonimo. Anche Babbo Natale firma la petizione di Coldiretti promossa insieme ad altre nove organizzazioni per estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti. L’occasione è stata la Festa delle Orchidee che si è tenuta lo scorso weekend da MB Garden a Massa (Ms). L’incredibile sottoscrizione di Santa Claus, che da MB Garden si è fermato con la sua slitta, si aggiunge alle adesioni di molti sindaci del territorio apuo-lunigianese come il Presidente della Provincia di Massa Carrara e Sindaco di Montignoso, Gianni Lorenzetti, il consigliere regionale Giacomo Bugliani, il Presidente della Camera di Commercio, Dino Sodini, oltre ad assessori, consiglieri e soprattutto cittadini, migliaia fino ad oggi, che hanno aderito all’iniziativa.

La principale organizzazione agricola della provincia di Massa Carrara proseguirà, per tutte le festività tra mercati, punti Campagna Amica ed uffici zona, a raccogliere le firme per arginare la diffusione, sulle nostre tavole, di alimenti di bassa qualità e origine incerta che mettono a rischio la salute, come dimostrano gli scandali alimentari globali dell’ultimo decennio che si sono propagati rapidamente a livello planetario per la mancanza di trasparenza, dal latte alla melamina dalla Cina del 2008 che ha provocato vittime tra i bambini allo scandalo mondiale sulla carne avariata esportata dal Brasile nel 2017. Coldiretti chiede semplicemente trasparenza e tracciabilità, elementi che i prodotti a marchio Campagna Amica e a filiera corta garantiscono: “A Natale non facciamo errori – spiega Francesca Ferrari, Presidente Coldiretti Massa Carrara – ed acquistiamo solo prodotti sicuri, trasparenti, con etichetta dai nostri produttori agricoli e nei mercatini degli agricoltori a marchio Campagna Amica. E’ l’unico modo per avere la certezza matematica di mettere nel piatto prodotti locali ed italiani e nel caso delle festività confezionare cesti e cadeau agroalimentare del territorio”.

Le maggiori preoccupazioni sono proprio determinate dalla difficoltà di rintracciare rapidamente i prodotti a rischio per toglierli dal commercio con un calo di fiducia che provoca il taglio generalizzato dei consumi che spesso ha messo in difficoltà ingiustamente interi comparti economici, con la perdita di posti di lavoro. L’esperienza di questi anni dimostra l’importanza di una informazione corretta con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine nazionale dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti. Secondo una ricerca di Beuc (l’organizzazione europea dei consumatori) il 70% dei cittadini europei (82% in Italia) vuole conoscere da dove viene il cibo sulle loro tavole, che diventa 90% nei casi di derivati del latte e della carne. “L’obiettivo della petizione – spiega ancora la Ferrari - è dare la possibilità a livello europeo di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti dopo che l’Italia, affiancata anche da Francia, Portogallo, Grecia, Finlandia, Lituania, Romania e Spagna, ha già adottato decreti nazionali per disciplinarlo in alcuni prodotti come latte e derivati, grano nella pasta e riso. La petizione chiede infine – conclude il Presidente di Coldiretti - di migliorare la coerenza delle etichette, inserendo informazioni comuni nell’intera Unione circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare”. Il sito per sottoscrivere l’iniziativa è: www.eatoriginal.eu. La petizione può essere firmata anche negli uffici Coldiretti in provincia di Massa Carrara ed in tutta la Toscana.
Giovedì 13 dicembre 2018 alle 15:21:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News