Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Sabato iniziano i saldi, ma i commercianti apuani storcono il naso

Confesercenti: «Come si può parlare di fine stagione il 7 luglio? I negozianti hanno acquistato a prezzo pieno e sono costretti già in avvio di estate a ribassare»

Sabato iniziano i saldi, ma i commercianti apuani storcono il naso
Massa-Carrara - Sabato prossimo parte la stagione dei saldi estivi. La data, il primo sabato di luglio, è stata decisa dalla Regione Toscana ma continua a far discutere i commercianti, considerandola poco appropriata per una “vendita di fine stagione”. A questo poi si aggiunge una moda che sta prendendo piede anche nella nostra provincia che vede alcune attività commerciali proporre addirittura i “pre-saldi”.

Confesercenti Toscana Nord area Carrara, con il suo presidente Nando Guadagni, spiega la necessità di cambiare. “Sia in occasione dei saldi estivi che per quelli invernali, la data è sicuramente sbagliata. Come si può parlare di fine stagione il 7 luglio? I commercianti hanno acquistato a prezzo pieno e sono costrette già in avvio di estate a ribassare. Lo diciamo da tempo e lo ripetiamo oggi: le date per l’avvio dei saldi vanno riviste”. Poi la questione di coloro che addirittura anticipano la data. Ancora Guadagni: “I saldi partono già quando la stagione non è quasi iniziata, a questo può aggiungersi la beffa di chi decide di iniziare ancor prima della data stabilita con messaggi di dubbia chiarezza e con strumenti più o meno tradizionali. C’è chi usa i social, i messaggi sul cellulare, ma addirittura chi pubblicizza nel proprio negozio i così detti “pre-saldi”. I saldi iniziano il primo sabato di luglio e a questa regola devono attenersi tutti, piccole e grandi attività commerciali. Chiediamo quindi controlli attenti su chi non rispetta le regole. Il rischio, altrimenti, è quello di rendere quasi normale l’effettuazione dei cosiddetti “pre-saldi” colpendo i commercianti corretti con una concorrenza sleale e creando sempre più confusione nel consumatore”. Purtroppo il settore del commercio continua a pagare una crisi dal quale stenta ad uscire. Ecco quindi che i saldi sono considerati una boccata di ossigeno per gli imprenditori. Spiega il presidente. “Negli ultimi 8-10 anni la quota di spesa dedicata dalle famiglie all’abbigliamento e alle calzature si è ridotta quasi del 30%. Le vendite di fine stagione rappresentano circa il 35% del fatturato dell’anno e quindi riteniamo che ad esse debba essere ridato il loro originario significato. Averne di continuo anticipato l'inizio ha di fatto snaturato questo tipo di vendita speciale a danno delle piccole e medie imprese, con il consumatore in totale confusione sulle varie forme di vendite straordinarie. I saldi debbono tornare ad essere delle reali vendite di fine stagione – conclude Guadagni – posticipandone, quindi, l’attuale data di avvio. Inoltre, è necessario che si facciano rispettare le regole. Anche per questo ribadiamo la nostra contrarietà a ulteriori “liberalizzazioni” nel settore. Così come con la stessa logica si sono deregolamentati gli orari e le aperture domenicali e festive del commercio”. Confesercenti Toscana Nord ricorda infine che la vendita di fine stagione (saldo) non ha obbligo di comunicazione al Comune. I dati da esporre nei cartellini sono il prezzo originario, la percentuale di sconto e il prezzo finale di vendita.
Martedì 3 luglio 2018 alle 16:19:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News