Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 22.23 del 18 Settembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Rifiuti, tasse alle stelle a Massa-Carrara (anche se la differenziata aumenta)

Rispetto alla media nazionale la Tari, per alcune attività, è più alta del 70%

L'ALLARME DI CONFCOMMERCIO
Rifiuti, tasse alle stelle a Massa-Carrara (anche se la differenziata aumenta)
Massa-Carrara - La quantità di rifiuti prodotti cala, la raccolta differenziata (i cui costi di smaltimento sono inferiori rispetto all’indifferenziata) aumenta, ma le tariffe della Tari continuano a salire, con incremento pari a circa il 70 per cento rispetto ad appena 7 anni fa. A svelarlo è una articolata indagine condotta dall’Osservatorio nazionale delle tasse locali di Confcommercio, che svela come la Toscana sia una delle regioni dalla tassazione ben superiore alla media italiana e le province di Lucca e Massa-Carrara – all’interno della tabelle regionali – siano due dei territori che registrano parametri superiori alla media nazionale per quasi tutte le voci prese in esame.

Qualche dato concreto, per illustrare meglio la questione: a Massa Carrara per bar, caffè e pasticcerie la media nazionale di spesa per un esercente è pari a 10,68 euro per metro quadrato di superficie, mentre in provincia di Massa Carrara sale a 18,40 euro, oltre il 70 per cento in più.

Per la categoria che comprende ristoranti, pizzerie e pub la media nazionale è di 13,72 euro per metro quadrato, che in provincia di Massa Carrara sale a 18,40 euro.

E ancora: per i negozi di abbigliamento, calzature e librerie la media nazionale è di 4,09 euro per metro quadrato, che in provincia di Massa Carrara sale a 5,19 euro.

Per gli alberghi senza ristorante, la media nazionale è di 3,64 euro a metro quadrato, che in provincia di Massa Carrara sale a 4,77 euro, mentre per gli alberghi con ristorante la media è di 4,73 euro, che sale a 6,33 euro in provincia.

Per le macellerie e i negozi di generi alimentari la media nazionale è di 6,93 euro per metro quadrato, che in provincia di Massa-Carrara sale a 9,95 euro. Per i negozi di ortofrutta la media nazionale è di 15,05 euro per metro quadrato, che in provincia di Massa Carrara sale a 17,98 euro.

Per gli stabilimenti balneari, infine, la media nazionale è di 2,16 euro a metro quadrato, che sulla costa apuana sale a 2,85 euro.

“I dati dell’Osservatorio – commenta Confcommercio – sono la conferma di quanto le nostre imprese, e i casi delle province di Lucca e Massa-Carrara sono molto eloquenti, siano penalizzate da costi dei servizi pubblici che continuano a crescere in modo ingiustificato. Bisogna, dunque, applicare con più rigore il criterio dei fabbisogni e dei costi standard nel quadro di un maggiore coordinamento tra i vari livelli istituzionali, ma soprattutto è sempre più urgente una profonda revisione dell’intero sistema che rispetti il principio europeo ‘chi inquina paga’ e tenga conto delle specificità di determinate attività economiche delle imprese del terziario al fine di prevedere esenzioni o agevolazioni. In due parole, meno costi e meno burocrazia per liberare le imprese dal peso delle inefficienze locali di gestione”.
Venerdì 27 luglio 2018 alle 14:17:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News