Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.18 del 21 Agosto 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Privacy e fattura elettronica: 20 milioni di costi in più per le imprese apuane

Tante spese in più per le aziende e professionisti di Massa-Carrara. Bedini (Cna): «Due imprese su tre hanno registrato difficoltà nella gestione digitale del nuovo strumento fiscale»

partenza caos
Privacy e fattura elettronica: 20 milioni di costi in più per le imprese apuane
Massa-Carrara - Alla fine dei giochi l’adeguamento obbligatorio alla normativa sulla privacy e sulla fatturazione elettronica produrrà un aumento dei costi di circa 20 milioni di euro per le imprese della provincia di Massa-Carrara. Insieme all’extra costo che gli imprenditori dovranno sopportare c’è poi tutta la partita dell’adeguamento nel sistema di gestione quotidiano che, come nel caso della e-fattura, la fatturazione elettronica diventata obbligatoria anche tra imprese e professionisti, sta creando non pochi disagi e difficoltà alle imprese soprattutto nella fase di iniziale.

La stima arriva da Cna che in questi mesi di profondo cambiamento digitale ha promosso corsi ed incontri per fornire informazioni e gli strumenti per adeguarsi alle nuove normative evitando antipatiche speculazioni sul mercato.

“Privacy e fatturazione rappresentano un costo per le imprese. Servirà tempo per capire che questo è un investimento oppure l’ennesimo adeguamento inutile. – spiega Paolo Bedini, presidente Cna Massa-Carrara – Quello che però è sicuro, oggi, è il fatto che le imprese si siano accollate maggiori costi che possono variare tra i mille ed i due mila euro all’anno. La partenza soprattutto per la fatturazione elettronica, in vigore dal 1° gennaio, è stata ed è complicata perché è mancato un periodo di prova. Due imprese su tre hanno registrato difficoltà nella gestione digitale di uno strumento fiscale che sulla carta sarà più semplice ed immediato ma che nella pratica esige nuovi cambiamenti nell’assetto gestionale delle imprese perché non tutte hanno dipendenti o specialisti a busta paga ma dovranno rivolgersi a professionisti e commercialisti esterni. A soffrire di più sono, ancora una volta, le imprese piccole”. Imprese piccole che, secondo anche l’ultimo rapporto economia della Camera di Commercio, sono quelle con il rating di digitalizzazione più basso: il 61% delle imprese apuane appartiene ancora all’area della bassa digitalizzazione. In pratica 3 su 5.
Giovedì 17 gennaio 2019 alle 10:16:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News