Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 12.58 del 16 Novembre 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Olive, un'ottima annata a Massa-Carrara: produzione a +15%

Ferrari (Coldiretti): «La qualità dell'olio extravergine sarà molto alta. Speriamo dalla resa»

alcuni consigli
Olive, un´ottima annata a Massa-Carrara: produzione a +15%
Massa-Carrara - Più 15-20% di produzione di olive in Lunigiana e più in generale nella Provincia di Massa Carrara. Per l’extravergine Made in Tuscany sarà una buona stagione nonostante le ondate di maltempo del 2018 e gli imprevisti meteo. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare le previsioni divulgate dall’Ismea. Previsione confermata anche dal Consorzio dell’Olio Extravergine Toscano Igp. “La qualità sarà molto alta – spiega Francesca Ferrari, Presidente Coldiretti Massa Carrara – ma per la quantità non siamo ancora ai livelli di massimo potenziale. L’andamento ci fa ben sperare e molto dipenderà dalla resa delle olive. Sulla costa la raccolta è già iniziata e sta andando molto bene. La resa è buona, le olive sono sane. In Lunigiana e nelle aree interne ci sarà da attendere ancora una decina di giorni prima di iniziare la raccolta. Ci sono tutti i presupposti”.

Se da un lato la stagione ha svoltato nella maniera giusta da quello della ristorazione, a quattro anni dall’entrata in vigore della legge antirabbocco, non è andata proprio come ci si aspettava. Al ristorante un contenitore su quattro (22%) è infatti fuorilegge. Un aspetto, legato alle importazioni di olio straniero a basso prezzo e ai fenomeni di sofisticazione ed inganni in etichetta, che danneggiano il lavoro serio degli agricoltori per consegnare al mercato un prodotto al 100% locale.

Gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere infatti presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta. La legge prevede anche sanzioni per chi non usa oliere con tappo antirabbocco che vanno da mille a 8mila euro e la confisca del prodotto.

“Si tratta – spiega la Ferrari – di una tutela per produttori, consumatori e anche per i ristoratori rispetto dalla concorrenza sleale di chi spaccia come extravergine italiano un prodotto importato di bassa qualità. Serve uno sforzo collettivo della filiera turistica e ricettiva per premiare il vero Made in Tuscany e sostenere il territorio perché senza territorio non ci sono prospettive ne economiche ne di vita”. Per evitare fraintendimenti, al ristorante come al supermercato, occorre quindi guardare attentamente le etichette sulle bottiglie che, se contengono extravergine ottenuto da olive straniere devono riportare le scritte ‘miscele di oli di oliva comunitari’, ‘miscele di oli di oliva non comunitari’ o ‘miscele di oli di oliva comunitari e non comunitari’ obbligatorie per legge. La scritta, fa notare la Coldiretti, “è riportata in caratteri molto piccoli, posti dietro la bottiglia e, in molti casi, in una posizione sull’etichetta che la rende difficilmente visibile”.

Il consiglio della Coldiretti è quello di guardare con più attenzione le etichette e acquistare extravergini a denominazione di origine Dop e Igp, quelli in cui è esplicitamente indicato che sono stati ottenuti al 100% da olive italiane o di comperare direttamente dai produttori olivicoli, nei frantoi o nei mercati di Campagna Amica dove è possibile assaggiare l’olio evo prima di comprarlo e riconoscerne le caratteristiche positive.
Lunedì 15 ottobre 2018 alle 17:23:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Sei favorevole o contrario all'erogazione del reddito di cittadinanza per i più poveri?

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News