Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 10.45 del 19 Settembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Lavoro, sorpresa: crolla la disoccupazione a Massa-Carrara

Dal 16% del 2017 al 10,2% del 2018. Lo dicono i dati provvisori Istat, Sodini (Camera di Commercio): «Per tornare a questi livelli dobbiamo andare al periodo pre-crisi. Invito in ogni caso a prendere questi dati con le molle»

tutti i numeri
Lavoro, sorpresa: crolla la disoccupazione a Massa-Carrara
Massa-Carrara - Sorpresa. Crolla la disoccupazione a Massa-Carrara che passa dal 16% al 10,2% (miglior dato dal 2010) e aumenta il numero degli occupati (+4.422) anche se si tratta principalmente di contratti a tempo determinato. Scossone imprevisto nel mondo del lavoro che nel 2018, secondo i dati provvisori dell’Istat, fanno registrare un vigoroso miglioramento. A dirlo è l’analisi puntuale della Camera di Commercio di Massa-Carrara sulla base dell’aggiornamento del rapporto sul mercato del lavoro.

“Il dato – spiega Dino Sodini, presidente Camera di Commercio di Massa-Carrara – sorprende anche noi perché si tratta di un fortissimo calo della componente dei disoccupati che non ci aspettavamo in queste dimensioni e portata rispetto alle nostre previsioni. Stiamo parlando di 5,6 punti in meno rispetto a un anno prima. L’inversione di tendenza, se pur lieve, l’avevamo già vista nel 2017 quando il tasso era sceso dal 16,6% al 16%. Per tornare a questi livelli dobbiamo andare al periodo pre-crisi. Invito in ogni caso a prendere questi dati con le molle trattandosi di dati provvisori”.

La provincia di Massa-Carrara è stata, nel 2018, insieme ad Ancona, Fermo e Pistoia quella che ha fatto segnare aumenti più elevati del tasso di occupazione che sale fino al 62%, il 4 punti in più rispetto a un anno prima e ancora lontano dalla media regionale (66,5%) ma molto meglio se confrontato con quella nazionale (58,5). Gli occupati provinciali nell’anno appena concluso sono stati 77.049 in aumento, come annunciato, di ben 4.422 unità (+6%) grazie principalmente alla componente femminile (+2.571) che cresce quasi il doppio rispetto a quella maschile (1.851). Nel 2017 erano 72.627.

A fare da contraltare però ci sono anche indicatori non proprio positivi come quello della forza lavoro e del tasso di attività che sono strettamente correlati: “In entrambi i casi la variazione è stata negativa – analizza Vincenzo Tongiani, presidente Isr – -0,6% per quanto riguarda la forza lavoro, e questo denota che c’è un numero maggiore di persone che hanno smesso di cercare un impiego e che abbiamo stimato in circa 500 unità. Per quanto riguarda invece il tasso di attività che è dato dal rapporto tra le persone appartenenti alla forza lavoro e la popolazione di riferimento la flessione è stata dello 0,2%. I due dati sono consequenziali e perfettamente in linea rispetto alla dinamica che raccontano. Dopo un decennio emergenziale sul fronte della disoccupazione – conclude Tongiani – per la prima volta possiamo dire che siamo sulla strada per tornare ai valori pre-crisi. Restiamo ancora distanti dalla media toscana che si attesta sul 7,3% ma non siamo più un fanalino di coda”.
Sabato 16 marzo 2019 alle 19:31:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News