Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 13.34 del 12 Novembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

L'importanza di Bilog per il raddoppio della Pontremolese | Video

I panel della biennale della logistica che si svolgerà a SpeziaExpò il 16 e il 17 ottobre ruotano intorno a uno dei grandi temi dell'economia e della portualità del nostro territorio

SERVE L'INSERIMENTO NELLA RETE TEN-T
L´importanza di Bilog per il raddoppio della Pontremolese<span class=´linkFotoA1Articolo´> | <a href=´/videogallery/roncallo-merci-su-ferro-aumentate-del-2-per-cento-negli-ultimi-mesi-327.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Video</a></span>
Massa-Carrara - Ci sono la conclusione del raddoppio della linea Pontremolese e la realizzazione della Galleria di Valico sullo sfondo dei dibattiti che si svolgeranno nel corso della due giorni di Bilog, la biennale della logistica che si svolgerà a SpeziaExpò il 16 e il 17 ottobre prossimi.

I rapporti tra il porto spezzino e l'hub logistico del Piacentino sono infatti la scintilla che ha portato all'organizzazione di un'iniziativa come Bilog, cresciuta a dismisura nella sua seconda edizione con la presenza di decine di relatori internazionali e di Iveta Radicová, coordinatrice dell'Unione europea per il Corridoio Mediterraneo.

Nonostante la Pontremolese sia una delle poche opere italiane (se non l'unica) che non scatena dissenso nei suoi confronti e dunque non sarebbe osteggiata nella sua realizzazione (c'è anzi da registrare il parere favorevole di Legambiente) il finanziamento del completamento del raddoppio non si scorge all'orizzonte. Un delitto economico e ambientale, essendo l'infrastruttura che potrebbe portare il secondo porto italiano per movimentazione a sviluppare il trasporto su ferro dal 35 per cento attuale al 50 per cento, e forse anche di più.

Da oltre quarant'anni gli appelli politici e dell'imprenditoria del Levante ligure, del Nord della Toscana e dell'Emilia si sprecano, ma lassù sull'Appennino nulla è avvenuto, rendendo meno utili i lavori per il raddoppio degli altri tratti della Parma - La Spezia.

Al termine di un evento di ampio respiro come Bilog le cose potrebbero cambiare.
"Il problema del completamento del raddoppio della Pontremolese è politico in senso lato. Il collegamento tra il porto spezzino e la Pianura Padana - ha spiegato la presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale, che comprende i porti della Spezia e di Marina di Carrara, Carla Roncallo, a margine della presentazione dell'evento di metà ottobre - non è stato inserito nella rete Ten-T. Quello della Spezia è un porto Core, ma siamo collegati al corridoio Scan-Med attraverso la linea che transita per Pisa, Firenze e Bologna. Occorre lavorare per la revisione della rete Ten-T per portare Rfi a intervenire. L'azienda, infatti, dà priorità alle linee inserite nella rete per investimenti così cospicui. Per completare la Pontremolese, infatti, si stima una spesa di quasi 2 miliardi di euro, e uno di questi sarebbe necessario per la sola galleria. Stiamo lavorando per l'inserimento della Parma - La Spezia nelle reti di trasporto europee mantenendo l'interlocuzione con la Regione e il ministero, per poi rivolgerci alla Commissione europea".

Sarà essenziale e significativa, in questo senso la presenza della coordinatrice Radicová che ha chiesto di fare visita al porto e di vedere da vicino i tre nodi ferroviari che vengono utilizzati per la movimentazione delle merci: La Spezia marittima, Valdellora e Santo Stefano Magra.

TH.D.L.

Martedì 15 ottobre 2019 alle 12:57:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video

15/10/2019 - Roncallo: "Merci su ferro aumentate del 2 per cento negli ultimi mesi"



Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News