Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.02 del 1 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Intesa sindacati-governo su attività essenziali, trovato l'accordo con Baker Hughes

Un nuovo decreto ministeriale potrebbe arrivare entro la fine della giornata

Lavoro e salute
Massa-Carrara - Intesa raggiunta tra Governo e sindacati sulle attività da chiudere per l'emergenza Coronavirus. Questa mattina si è tenuto un incontro tra le parti durante il quale è stato rivisto l'elenco delle attività produttive considerate essenziali e indispensabili, in questa fase, per il Paese: un nuovo decreto ministeriale potrebbe arrivare entro la fine della giornata.
I coordinatori nazionali delle tre maggiori sigle sindacali informano di aver raggiunto un'intesa con il gruppo Baker Hughes Nuovo Pignone “sulla diminuzione delle presenze di lavoratori in azienda”.
“Nuovo Pignone - scrivono i coordinatori nazionali Alessandro Beccastrini (Fim Cisl), Daniele Calosi (Fiom Cgil) e Davide Materazzi (Uilm Uil)- è un'azienda di rilevanza nazionale per le macchine che consentono l'approvvigionamento energetico e l'accordo garantisce che proseguiranno solo le funzioni inerenti l'assistenza e la manutenzione delle stesse. L'intesa consentirà quindi al Paese, in questa situazione di emergenza, di continuare ad avere certezza sul corretto funzionamento della fornitura di gas ed energia elettrica a tutte le utenze ed in particolare ai presidi ospedalieri. Garantirà inoltre un'ulteriore diminuzione di lavoratori diretti e delle ditte esterne presenti in azienda, in quanto legati solo alle attività di assistenza e manutenzione delle macchine. Vorremmo infatti ricordare che negli stabilimenti del Nuovo Pignone già tutti i lavoratori impiegati sono in smart working da oltre una settimana. Le rivendicazioni dei lavoratori e le iniziative delle organizzazioni sindacali locali e nazionali hanno trovato le loro risposte. La salute prima di tutto, nell'interesse della collettività”.
Ieri mattina si è tenuto inoltre, seppur a distanza e tramite i canali di comunicazione virtuali, un incontro tra il Prefetto di Massa-Carrara e i rappresentanti sindacali del territorio. In queste ore il rappresentante del Governo potrebbe pubblicare un resoconto dettagliato delle nuove restrizioni imposte dal decreto Conte e che il territorio di Massa-Carrara sarà chiamato a recepire. In particolare sono due i settori ritenuti essenziali nel nuovo decreto: quello alimentare e quello farmaceutico.
“Tutto il resto – commenta Paolo Gozzani, della Cgil di Massa-Carrara - si deve fermare perché il lavoro deve contribuire nella sua responsabilità sociale come previsto dalla Costituzione, e in questo momento l’interesse generale per poter sopravvivere è fermare la virulenza contagiosa de virus, stando in casa non solamente usciti dal lavoro ma tutto il giorno. In questo modo sosteniamo anche i medici, gli infermieri e tutti i lavoratori che per responsabilità sociale ci stanno dando un contributo encomiabile”
Intanto, però, oggi si sono tenuti gli scioperi dei metalmeccanici della Lombardia e del Lazio e tra chi vorrebbe incrociare le braccia, per denunciare la scarsa sicurezza sul posto di lavoro, ci sono anche i benzinai.
Mercoledì 25 marzo 2020 alle 18:38:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Dilettanti, chi è stato il miglior allenatore fino ad oggi?





























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News