Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 14.43 del 18 Ottobre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Ecobonus, l'allarme degli artigiani: «A rischio mille piccole imprese apuane»

Partecipato l'incontro organizzato da Cna Massa-Carrara a Palazzo Ducale: «Siamo pronti allo scontro e alla protesta»

la mobilitazione
Ecobonus, l´allarme degli artigiani: «A rischio mille piccole imprese apuane»
Massa-Carrara - Artigiani apuani pronti allo scontro e se necessario alla mobilitazione. Parte da Massa-Carrara il fuoco della protesta contro l’articolo 10 del decreto Crescita che rischia di danneggiare, penalizzare e mettere in crisi almeno un migliaia di imprese locali delle filiere di edilizia, impiantistica, arredo e legno. Erano una cinquantina, a Palazzo Ducale, le imprese locali che hanno partecipato all’iniziativa promossa da Cna, la prima ad annusare il pericolo e la prima, attraverso 60 imprese, a chiedere alla Commissione Europea e all’Autorità del Garante dell’Antitrust che venga accertata la sua illegittimità per violazione del diritto comunitario-nazionale della concorrenza.

Il casus belli è l’ecobonus, tema molto tecnico che per le imprese ha però un significato non trascurabile su conti ed occupazione. L’articolo 10 finito favorisce le multinazionali e le grandi imprese ed esclude le piccole imprese che operano principalmente nella filiera dell’impiantistica e della distribuzione che non dispongono delle risorse finanziarie né della capienza fiscale necessarie a dilazionare nel tempo il recupero di una parte rilevante del pagamento. Secondo gli artigiani l’ecobonus e gli incentivi rischiano, al contrario di quanto avrebbero dovuto prevedere, di bloccare le riqualificazioni degli edifici. “Le imprese, allo stato attuale, hanno solo una soluzione: rinunciare all’ecobonus per non morire di credito. L’obiettivo è l’abrogazione dell’articolo 10 che è, secondo noi, illegittimo. – ha detto il Presidente Paolo Bedini alla platea di imprenditori insieme alla sindacalista Manuela Paladini – Come prima azione andremo dal Prefetto per informalo della protesta e delle future azioni che vogliamo intraprendere”. Nel frattempo un piccolo risultato è già stato ottenuto: “La Regione Toscana – ha anticipato Bedini -, sollecitata dalla nostra associazione, si costituirà in giudizio di fronte alla Corte Costituzionale e la petizione online, che abbiamo lanciato a livello nazionale, ha già raccolto 2,5 mila firme alla velocità di 500 al giorno. Questa norma è frutto della pressione delle lobby per tagliare fuori dal gioco degli incentivi fiscali le piccole imprese”.

Preoccupata la categoria degli impiantisti: “Si, siamo particolarmente preoccupati: è un meccanismo che penalizza le piccole imprese come le nostre e che ci farà morire. Ora aspettiamo i decreti attuativi…”. Per Stefano Gatti, Presidente degli Edili “il 201è è stato un anno di batoste per gli artigiani iniziato con i costi raddoppiati dei premi Inail e finito con l’ecobonus truffa. Tutte le leggi sono a svantaggio delle micro imprese. La verità è che è in atto un progetto di demolizione della struttura economica italiana formata da piccole imprese. Diventeremo tutti dipendenti delle grandi lobby”.

All’incontro erano stati invitati anche degli eletti in parlamento e senato, gli unici, a poter intervenire sulle leggi. “Siamo dispiaciuti – fa notare Paolo Ciotti, Direttore Cna Massa Carrara - per l’assenza ingiustificata di alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle che nemmeno hanno risposto al nostro invito e che continuano ad essere lontani dal territorio e dalle imprese. Hanno invece risposto gli altri deputati: Mallegni, Bergamini, Nardi e Ferri oltre al consigliere regionale Giacomo Bugliani che hanno assicurato interesse ed impegno”.

Ciotti è “impressionato dalle promozioni di alcuni tra i principali player nazionali che in queste settimane hanno tappezzato città e giornali con promozioni senza tra l’altro avere ancora letto i decreti attuativi. A pensare male si fa peccato ma a volte ci si indovina”.
Sabato 27 luglio 2019 alle 10:31:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-

FOTOGALLERY



























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News