Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 16.40 del 22 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Carige, il commissario: nessun rischio bail-in o dissesto

Lo ha dichiarato in un'intervista l'ex ad Fabio Innocenzi: «La banca è ben patrimonializzata». Cisl: «Fornire garanzie a risparmiatori e imprese»

amministrazione straordinaria
Carige, il commissario: nessun rischio bail-in o dissesto
Massa-Carrara - Per Carige non ci sono rischi di bail-in o di dissesto. Lo ha affermato in un’intervista Fabio Innocenzi, ex amministratore delegato della banca ligure e ora commissario straordinario della stessa. «Non esiste assolutamente un rischio di questo tipo. L’istituto è ben patrimonializzato e ha una governance chiara» ha sottolineato Innocenzi nell’intervista. L’ex ad nell’intervista ha fatto anche il punto della situazione sulla situazione patrimoniale e sui rapporti con lo Schema Volontario del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (Fitd), che ha sottoscritto lo scorso 30 novembre il bond da 320 milioni emesso dall’istituto genovese.

«La fotografia patrimoniale è nota. Abbiamo avuto un importante prestito subordinato, sottoscritto dallo Schema Volontario, che ci ha portato in linea con quelli che sono i requisiti, gli obblighi patrimoniali della banca. Da questo punto di vista, quindi, Carige è a posto», ha ricordato il nuovo commissario straordinario.

In merito alle discussioni che si terranno nelle prossime settimane con ll Fitd alla luce dell’amministrazione straordinaria disposta dalla Bce, Innocenzi nell’intervista ha affermato: «Sarà una riflessione finalizzata a capire come meglio usare questo strumento nel nuovo scenario. Sono numerosi i temi che dovremo trattare con lo Schema Volontario».

«Avevamo fatto l’operazione insieme a loro a novembre, nell’ipotesi che un aumento di capitale da effettuare in primavera portasse di fatto all’esaurimento di quest’obbligazione subordinata che sarebbe stata o convertita o assorbita da chi prendeva le azioni, quindi sostituita. Oggi, tuttavia, c’è uno scenario nuovo» ha aggiunto l’ex Ad.

Intanto, a seguito della decisione della Bce di collocare Carige in stato di amministrazione straordinaria, intervengono il segretario generale della Cisl Liguria Luca Maestripieri e il segretario First Cisl Liguria Alessandro Mutini: «Bisogna fare presto e trovare soluzioni rapide per evitare che la Banca subisca altri danni, anche d’immagine. Positivo il fatto che sia stata garantita la continuità gestionale. Ora bisogna dare certezze ai 4.300 dipendenti, che già si sono fatti carico di molti e concreti sacrifici, ma anche fornire garanzie per i risparmiatori e le imprese, cosa che l’istituto è ancora in grado di fare». E molti di questi risparmiatori e imprese sono della provincia di Massa-Carrara dal momento che la ex Cassa di Risparmio di Carrara era stata assorbita proprio da Carige.
Giovedì 3 gennaio 2019 alle 15:12:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News