Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Poste, personale al limite a Massa-Carrara. Sicurezza a rischio»

La denuncia della Uilposte apuana: «Problemi che segnaliamo da mesi senza risposte da parte dell'azienda»

«è inaccettabile»
«Poste, personale al limite a Massa-Carrara. Sicurezza a rischio»
Massa-Carrara - “Manca personale sui servizi essenziali a diretto contatto con la clientela come i servizi di recapito e allo sportello nella provincia apuana, così come nel resto della Toscana. Disservizi e problemi che segnaliamo da mesi all’azienda senza ottenere risposte e neppure il rispetto dei diritti concordati nelle trattative”.

Anno nuovo e vecchi problemi per Poste Italiane e a denunciarlo è il segretario provinciale UilPoste Massa Carrara, Paolo Lippi, che poi affonda il colpo: “Durante le feste natalizie lo stato di carenza di personale è stato acuito a causa del prevedibile aumento di lavoro, quale ad esempio la consegna dei pacchi, e non c’è stato il necessario aumento del personale, che sarebbe servito per lavorare secondo le regole di sicurezza. Alla sportelleria, dove  il personale a tempo determinato al momento non è affatto previsto né contemplato, si va avanti esclusivamente a straordinario, con sovraccarico del personale presente,  per riuscire ad espletare il servizio nei momenti di picco e con frequenti distacchi dai vari uffici”.

Un’emergenza di organico che preoccupa il sindacato sotto vari aspetti: “Non ci sono le condizioni per rispettare gli accordi sottoscritti e quindi le regole di sicurezza e le modalità previste a livello nazionale per espletare i servizi – prosegue il segretario Uilposte -. Quello che accade, però, con la carenza di personale, è che queste regole rimangono troppo spesso lettera morta negli uffici, dove ad esempio lo straordinario è diventato ordinario e il numero massimo dei pezzi che i portalettere devono consegnare viene quotidianamente non rispettato e aumentato, sovraccaricando i lavoratori e mettendo a rischio la sicurezza, soprattutto per chi lavora sulla strada. Per chi lavora negli uffici a contatto con il pubblico o nell’assistenza telefonica la situazione non è migliore, in quanto il clima di pressione è alle stelle e non si riesce a ritagliare il tempo nemmeno per la necessaria formazione. Gli accordi sottoscritti ci sono  ma non  vengono rispettati”.

Problemi anche per i lavoratori con serie patologie “poiché soggetti ad  atteggiamenti arroganti e discriminatori, invece di venire incontro alle loro esigenze  a causa di seri problemi di salute. In un’azienda come la nostra, che è la più grande azienda di servizi in Italia, è intollerabile che il personale nei territori, sia quotidianamente soggetto a  continue pressioni e atteggiamenti persecutori: sono quasi considerati un peso dall’azienda. Per quanto riguarda gli addetti alle lavorazioni interne si registrano notevoli difficoltà per garantire il servizio nel Centro distribuzione di Massa-Carrara soprattutto nel primo turno delle ore 5, dove il flusso in entrata è maggiore. La situazione – conclude Lippi - non è affatto migliorata anzi le difficoltà per chi lavora all’ interno di questa azienda sono aumentate  e questo persistere della situazione non è più accettabile”.
Giovedì 30 gennaio 2020 alle 18:37:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Pontremolese?






















Chi è il miglior giocatore della San Marco Avenza?








































Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News