Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 14.10 del 12 Novembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

"Fare Cisl, nel territorio, oggi". È iniziato il corso formativo del sindacato

`Fare Cisl, nel territorio, oggi`. È iniziato il corso formativo del sindacato
Massa-Carrara - Ha avuto inizio il 10 ottobre 2019 presso la sala della resistenza della Provincia, alla presenza di un pubblico attento e interessato, il corso "Fare CISL, nel territorio, oggi", promosso dal sindacato Cisl Toscana Nord, con l'obiettivo, come ha sottolineato il segretario Andrea Figaia, di preparare i giovani ad affrontare in modo sindacalmente corretto le problematiche presenti nel territorio.

I primi interventi hanno visto come protagonisti Francesco Lauria del Centro Studi CISL di Fiesole e il prof. Alessandro Volpi dell' UNIPI, che, con angolature diverse, hanno presentato la storia del Sindacato in Italia e in particolare della CISL dalle origini ad oggi. Francesco Lauria ha sottolineato come fin dalle origini (1918) la CIL, che rappresentava i lavoratori cattolici, poi diventata CISL, abbia mostrato una chiara tendenza all'analisi della situazione, alla contrattazione e alla partecipazione collettiva , valori presenti anche nelle altre due organizzazioni FIOM e USI. Nel 1927 queste organizzazioni vengono sciolte e li ritroviamo solo nel dopoguerra, distinte tra CISL, in cui permane una parte cattolica, la CGIL e la UIL in cui era preponderante la parte socialista marxista. Il 2 settembre 1943 viene firmato il primo accordo bilaterale tra CONFINDUSTRIA e SINDACATI (in quel momento non ancora diversificati), in cui sono già evidenti le operazioni relative alla contrattazione, conciliazione e partecipazione. La CISL nasce ufficialmente il 5 marzo 1950, è ormai divisa dalla CGIL e si presenta come un sindacato libero, fondato sulla professionalità e sui lavoratori, si afferma che il sindacato deve distinguersi dallo statalismo a favore del pluralismo sociale, in quanto lo Stato non è l'unico ordinatore della società. F.Mancini nel 1976 affermerà " La contrattazione collettiva in Italia non può molto, ma tutto". Proprio in quest'ottica viene aperto il Centro Studi a Firenze per preparare e formare sindacalisti, i cui principi primi dovevano essere la libertà, la cooperazione, la crescita personale, non tralasciando le idee di autonomia, associazionismo e analisi dei valori.

Il prof. Alessandro Volpi sottolinea che la CISL, in quanto vicina al mondo cattolico, non poteva svilupparsi se non successivamente alla questione romana, in quanto da parte di Pio IX si era proibito la partecipazione alla vita politica. I Patti Lateranensi, che avrebbero potuto aprire uno spiraglio, non sortirono alcun effetto, perché il governo fascista sciolse tutte le organizzazioni. Bisogna arrivare agli anni '40 per ritrovare la libertà di associazionismo con la volontà di difendere gli interessi dei lavoratori, di formare una forza sociale, che sapesse rapportarsi con le istituzioni, le forze politiche ed economiche ed in particolare far progredire sotto tutti i profili l'intera collettività. Le organizzazioni sindacali si andarono rafforzando e progredendo nei decenni successivi, migliorando in tutti i settori lavorativi la parte economica e sociale.

La prossima data dell'evento "Fare Cisl, nel territorio, oggi" sarà il 24 novembre quando si parlerà di industria, Zona industriale apuana e Marmo. Interverranno gli ex-sindaci di Carrara e Massa, Angelo Zubbani e Roberto Pucci, e il ricercatore Matteo Marchini.
Martedì 15 ottobre 2019 alle 21:19:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News