Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 17.18 del 19 Aprile 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Cave Michelangelo, marmo speciale. Dovere morale tenerle aperte»

Confindustria interviene nuovamente sulla questione con una lettera: «La questione ridotta all'essenziale è se ne valga ancora la pena di lavorare quella parte delle Alpi Apuane»

la lettera
«Cave Michelangelo, marmo speciale. Dovere morale tenerle aperte»
Massa-Carrara - Gentile direttore,
le scriviamo in merito all'articolo che riporta la posizione di Legambiente sulle Cave Michelangelo in cui, sostanzialmente, l'associazione chiede che sia definitivamente chiusa l'attività estrattiva perché il reso, cioè la percentuale fra blocchi e cosiddetti scarti, è basso.
Insomma la questione ridotta all'essenziale è se ne valga ancora la pena di lavorare quella parte delle Alpi Apuane per estrarre marmo.
La nostra risposta è sì. Ovviamente si può obiettare che sia una posizione partigiana, ed è vero. Siamo di parte perché sul marmo si fonda gran parte dell'attività imprenditoriale dei nostri associati.
Siamo degli imprenditori e come tali riteniamo sia giusto che chi investe e fa impresa rischiando i propri capitali, il proprio tempo, la propria forza lavoro debba ricavarne degli utili. E che il cattivo imprenditore sia colui che manda a gambe all'aria l'impresa e le famiglie dei lavoratori e dei fornitori che da quell'impresa dipendono.
Quindi se l'accusa è che sia punito chi fa impresa allora è vero: siamo colpevoli!
Speriamo che anche gli amici di Legambiente non lo pensino, anzi siamo certi che non vedano come un nemico chi ha una azienda, chi investe, chi rischia.
Dunque, senza girarci troppo attorno, l'alternativa è se vogliamo chiudere le cave o governarne le lavorazioni. Ma è ovvio che la prima risposta che tutti noi, aziende, cavatori, politici, cittadini, dobbiamo onestamente darci è a questa domanda: le cave vanno chiuse o no?
Da qui, poi, tutte le altre scelte saranno altrettante conseguenze.
Si può fare meglio? Sì. Si può fare di più? Sì.
Ad esempio grazie alle nuove tecnologie si sono fatti passi in avanti giganteschi sia sul rispetto dell'ambiente, pensiamo solo al costante e continuo aumento delle certificazioni ambientali delle nostre aziende, sia riguardo alla sicurezza sul lavoro dove abbiamo apprezzato il lavoro di costante attenzione propositiva e costruttiva da parte della Asl.
Questo per dire che si prova a guardare avanti possiamo già scommettere che le tecniche sempre più avanzate ci permetteranno di ridurre costantemente l'impatto delle nostre lavorazioni, ma anche di sviluppare a pieno l'industria delle materie oggi definite di scarto dentro una logica di economia circolare. Industria che a Carrara già abbiamo fatto partire con risultati molto incoraggianti.
Insomma molto è stato fatto e molto c'è ancora da fare. Ma per noi è certo che non si possa rinunciare (o almeno non lo si possa fare a cuor leggero) alla principale fonte di reddito e di lavoro della nostra realtà.
Una realtà che deve tener conto delle peculiarità di ogni cava.
Ogni sito ha una sua propria e irripetibile caratterizzazione naturale e quindi ogni situazione va vista non con criteri generali e astratti, ma nello specifico: piazzale per piazzale, galleria per galleria, crinale per crinale.
Vele anche per le Cave Michelangelo, anzi proprio per le Cave Michelangelo dal monte fino al piano, dall'escavazione fino agli Studi D'Arte Cave Michelangelo.
Perché non si può non tener conto delle loro specificità. Lì si trova marmo speciale, forse unico, con un valore aggiunto che non è solo economico ma, da Michelangelo e la sua Pietà in giù fino a Cattelan e al suo dito medio rivolto al cielo, anche culturale perché artistico. Per questo riteniamo un dovere morale, prima ancora che di categoria, difendere la grande eccellenza rappresentata dai laboratori delle cave Michelangelo e soprattutto l'impegno che Franco Barattini in persona dedica da anni e anni al mecenatismo ed alla promozione dell’immagine di Carrara nel mondo. Nel lavoro quotidiano di Barattini non c'è infatti soltanto una rilevante ricaduta occupazionale per il nostro territorio, ma anche una straordinaria azione a sostegno della nostra città per farla diventare di nuovo la capitale mondiale non solo dell'estrazione e della lavorazione del marmo, ma anche punto di riferimento internazionale per i più importanti protagonisti del panorama culturale e artistico.
Quanto vale questo impegno, con che metro di riferimento ne vogliamo calcolare le ricadute per tutta Carrara?
E tutto questo può essere davvero cancellato, chiuso, rimosso perché irrilevante di fronte a unità di misura più vicine a logiche burocratiche che non alla reale situazione delle lavorazioni in cava?
Sarebbe utile riflettere su quanto sterili siano posizioni esclusivamente e quindi pericolosamente ideologiche e su quanta forza invece esprima un’azienda integrata come quella di Cave Michelangelo e dei suoi laboratori artistici che a Carrara stanno dando non solo reddito e lavoro ma soprattutto e di nuovo, prestigio.
Questa è la domanda a cui rispondere.

Associazione industriali Massa-Carrara

Sabato 9 febbraio 2019 alle 22:06:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News