Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Traffico al minimo ma le Pm10 si impennano (anche a Massa-Carrara)

Valori anomali si sono registrati nei giorni scorsi. L'Arpat: «Si tratta di polveri provenienti dall'area asiatica e dal nord Africa»

qualità dell'aria
Massa-Carrara - In questi giorni il traffico automobilistico è al minimo (quasi assente) per il lockdown dovuto all'emergenza coronavirus e anche nelle maggiori città la qualità dell'aria ne ha beneficiato, come l'ambiente in generale. Nonostante ciò, un fatto strano è accaduto nei giorni scorsi: in Toscana e anche nella provincia di Massa-Carrara si sono registrati dei valori anomali nella quantità di polveri sottili presenti nell'aria. La spiegazione ce la fornisce l'Arpat e la riportiamo di seguito.

Lo scorso fine settimana, le stazioni della rete regionale hanno registrato nei giorni 28 e 29 marzo un diffuso e significativo incremento dei livelli di concentrazione di materiale particolato PM10 i cui valori medi giornalieri hanno superato il relativo valore limite fissato a 50 µg/m3.

L’evento di picco, è stato registrato sabato 28 marzo, nel quale tutte le stazioni di rete regionale hanno superato il valore limite relativo alla media giornaliera di PM10; il giorno successivo di domenica 29 i livelli di concentrazione hanno subito un decremento che ha determinato un rientro rispetto al valore limite di alcune stazioni di misurazione, in particolare quelle ubicate nell’area costiera.

Nel giorno di sabato 28 marzo gli incrementi dei livelli di concentrazione del PM10 sono stati più alti da 6 a 14 volte rispetto alla media dei primi cinque giorni della settimana.

La regione Toscana, come del resto il continente europeo, è regolarmente raggiunta da masse d’aria che portano con sé le frazioni del materiale particolato fra cui il PM10, il quale dalle alte quote dell’atmosfera, passa a livello del suolo - fenomeno avvettivo (ovvero che trasporta). L’area maggiormente interessata dal fenomeno avvettivo è stata quella delle Zone Interne in particolare l’area sud-est della Toscana.

Il grafico allegato all'articolo mostra gli andamenti temporali di PM10 nella settimana dal 23 al 29 marzo 2020. Anche le medie giornaliere PM2,5 hanno risentito, suppur in misura minore, del contributo avvettivo con incrementi dei livelli di concentrazione diffusi a livello regionale ed andamenti analoghi a quelli del PM10.

Dalle misure del materiale particolato PM2,5 si rileva che la percentuale di PM2,5 nel PM10 è passata dal 65-80 % dei primi giorni della settimana e che rappresenta una percentuale ordinaria, al 30%; tale valore indica la prevalenza della componente grossolana (frazione coarse) nella frazione PM10, condizione che si verifica tipicamente in presenza di fenomeni di avvezione.
Martedì 31 marzo 2020 alle 17:59:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News