Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

La Cgil licenzia un suo sindacalista, il giudice dà ragione al sindacato

«Venturini ha ammesso espressamente di avere operato i brogli presso la sede di Aulla senza però rivolgersi alla Commissione di Garanzia Congressuale per annullare le operazioni di voto»

la sentenza
La Cgil licenzia un suo sindacalista, il giudice dà ragione al sindacato
Massa-Carrara - Il Tribunale di Massa in composizione monocratica in funzione di Giudice del Lavoro ha rigettato il ricorso di Roberto Venturini contro la Cgil di Massa-Carrara e lo ha condannato al pagamento delle spese legali. Si chiude con una sconfitta per Roberto Venturini, assistito dall’avvocato Roberto Galletti dello Studio Lalli, la vicenda che lo vedeva contrapposto alla Cgil di Massa-Carrara, assistita dall’avvocato Lorenzo Calvani.

La Cgil di Massa-Carrara esprime «grande soddisfazione per la decisione assunta dalla dottoressa Agostini, Giudice del Lavoro di Massa, nella causa intentata da Roberto Venturini, ex dipendente Cgil ed ex segretario della Fillea Cgil, avente ad oggetto l’impugnazione del licenziamento per giusta causa irrogato allo stesso nel febbraio 2019. La giudice ha dichiarato che Venturini ha ammesso espressamente di avere operato i brogli presso la sede di Aulla senza però rivolgersi – come sarebbe stato logico e necessario ove realmente, come ha sostenuto, fosse stato costretto a farlo – alla Commissione di Garanzia Congressuale per annullare le operazioni di voto.
La Giudice non ha quindi creduto minimamente alla tesi di Venturini, secondo la quale i brogli sarebbero stati indotti dal Segretario della Cgil. Infine la Giudice stigmatizza il comportamento dell’ex sindacalista che prima ha commesso i brogli e poi ha portato all’attenzione della stampa i fatti, violando i doveri di correttezza e fedeltà incombenti sul lavoratore».

Pesante quindi il giudizio espresso dal Tribunale, che nel rigettare il ricorso e confermare la piena legittimità del licenziamento, ha condannato Roberto Venturini anche al pagamento delle spese legali. Nel licenziamento per giusta causa la Cgil contestava a Roberto Venturini di avere tenuto nei confronti dell’Organizzazione comportamenti gravemente sleali e diffamatori, accusando l’Organizzazione ed i suoi esponenti - tra i quali, ma non soltanto, il segretario Paolo Gozzani - di fatti che oggi risultano privi di ogni fondamento. «L’esposto presentato alla Commissione Nazionale di Garanzia – ricorda il sindacato – è stato rigettato. Il comportamento tenuto da Venturini nella vicenda ha dimostrato il compimento diretto di atti che denotano gravissimo abuso di fiducia, nonché esecuzione, in conflitto di interessi col sistema Cgil, di attività illecite contrarie non soltanto ai suoi doveri di prestatore dipendente della Camera del Lavoro di Massa e Carrara, ma anche di associato all’Organizzazione Sindacale».

«Questa sentenza fa finalmente giustizia alla Cgil nel suo insieme – afferma Gozzani – siamo sempre stati convinti di aver operato nell’interesse dell’organizzazione e a tutela dei principi che la fondano».
Martedì 23 giugno 2020 alle 18:26:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News