Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 12.55 del 30 Marzo 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Incinta di 8 mesi consumava e spacciava eroina, arrestata 32enne

Si tratta di una donna disoccupata di Massa, fermata dai carabinieri di Carrara. Ha patteggiato una pena di quattro mesi di reclusione

ai domiciliari
Incinta di 8 mesi consumava e spacciava eroina, arrestata 32enne
Massa-Carrara - Al centro delle ultime indagini antidroga concluse dai carabinieri, c’è un altro protagonista dello spaccio di strada diverso dal caso precedente di un operaio che spacciava per arrotondare (di cui abbiamo parlato in un precedente articolo), anche se alla fine il modus operandi era quasi identico. Ancora una volta è l’eroina a tornare alla ribalta.

Dopo meno di tre giorni dal primo arresto, i carabinieri di Carrara si sono rimessi all’opera e hanno aperto un altro filone d’indagine nei confronti di una nota tossicodipendente di 32 anni, nativa di Massa, che negli ultimi tempi, nonostante in dolce attesa, era stata notata più volte in giro per Carrara, in compagnia di noti consumatori di sostanze stupefacenti. Anche in questo caso, i militari dell’Arma erano convinti che la donna, all’ottavo mese di gravidanza, oltre a fare uso di eroina si fosse messa anche a spacciarla, perciò dopo una serie di pedinamenti, hanno aspettato la sua ennesima “apparizione” in piazza Alberica, pieno centro città, dove è stata fermata in pieno giorno.

La donna, inizialmente ha negato di possedere stupefacenti ma poi, quando ha capito che di lì a poco i Carabinieri l’avrebbero perquisita, ha tirato fuori dalla tasca del giubbotto sei bustine di eroina del peso di mezzo grammo ciascuna, pronte per la cessione. Anche in questo caso, quando è stata portata in caserma, la 32enne ha raccontato che spacciare eroina era diventato il modo per guadagnarsi da vivere, essendo disoccupata da parecchio tempo.

Dichiarata in arresto, la donna, trovandosi in avanzato stato di gravidanza, è stata prima messa ai domiciliari presso una struttura protetta dove ha trascorso la notte vigilata dai Carabinieri, poi il giorno successivo, ha patteggiato davanti al giudice Antonella Basilone una pena a quattro mesi di reclusione e 800 euro di multa. Il giudice, inoltre, ha disposto che dovrà presentarsi tutti i giorni dai carabinieri di Carrara per la firma.

(foto: repertorio)
Sabato 18 gennaio 2020 alle 16:01:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara







-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News