Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 06.07 del 22 Maggio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Grave carenza di sangue zero e A negativo: l'appello dell'Asl

«Andate a donare». L'assessore regionale Saccardi ai neo diciottenni: «È un gesto di grande civiltà, un atto prezioso, non solo per chi lo riceve, ma anche per chi lo compie»

«utili tutti i gruppi sanguigni»
Grave carenza di sangue zero e A negativo: l´appello dell´Asl
Massa-Carrara - "Da alcuni giorni si registra in Toscana una grave carenza di sangue, in particolare dei gruppi sanguigni zero negativo e A negativo, per questo consideriamo necessaria l'attivazione dei donatori per evitare blocchi nelle attività interventistiche come siamo riusciti a fare fino ad oggi”. Questo l'appello alla donazione del dottor Piero Palla, responsabile dell’Area Medicina Trasfusionale per l’Azienda USL Toscana nord ovest.

“Tutti i gruppi sanguigni sono sempre utili – prosegue Palla – l’importante è che i donatori non abbandonino la loro abitudine di venire a donare prima delle festività natalizie. È opportuno ricordare che i malati purtroppo non vanno in ferie e la richiesta rimane costante. Se l’invito per la donazione di sangue è pressante per i donatori di gruppo 0 (soprattutto negativo, ma anche positivo), parimenti urgente è la donazione di sangue di gruppo A, così come la donazione di plasma lo è quello per i donatori di gruppo AB che sono considerati donatori universali di plasma”.

Negli ospedali il sangue è una necessità quotidiana: ogni volta che si verifica una carenza di sangue, diventa drammatica non solo la gestione di eventi eccezionali come i disastri o gli incidenti, ma anche e soprattutto la quotidiana attività sanitaria che coinvolge la maggior parte degli interventi chirurgici, ma anche l'attività del pronto soccorso, le terapie oncologiche contro tumori e leucemie, le anemie di carattere medico, i trapianti di organo e di midollo osseo.

“I risultati che otteniamo – conclude Palla – sono anche il frutto del grande lavoro svolto dalle associazioni locali. Rappresentano un pilastro fondamentale al quale il nostro lavoro si appoggia per la loro grande opera di sensibilizzazione. Ma il ringraziamento più grande e caloroso è sicuramente rivolto a tutti donatori associati e non il cui gesto spontaneo e gratuito permette di avere a disposizione un elemento come il sangue che rimane, nonostante l’avanzare delle scoperte e delle tecniche, sempre insostituibile. Anche per questo accogliamo con piacere la donazione di gruppo che sarà effettuata domani, mercoledì 19 dicembre a Livorno a partire dalle ore 8, dai militari della Brigata Paracadutisti Folgore che non mancano mai di farci sentire la loro preziosa presenza”.

CHI PUO’ DONARE. Donatore può essere chiunque, uomo o donna, di età compresa tra i 18 e i 65 anni in condizioni di buona salute e con un peso superiore ai 50 chilogrammi. Tutti i lavoratori dipendenti hanno diritto alla giornata di riposo retribuita. Chi dona per la prima volta (aspirante donatore) può farlo esclusivamente dopo aver effettuato un colloquio preventivo con i medici ed esami di controllo pre-donazione. La cosiddetta “donazione differita” ha lo scopo di aumentare la sicurezza trasfusionale per i pazienti e tutelare la salute del cittadino.

Sul sito della Azienda USL Toscana nord ovest nella sezione “Come fare per” sono riportate le risposte alle domande più frequenti sull’argomento e indicazioni sul centro trasfusionale più vicino.

Intanto sull'argomento interviene con una lettera indirizzata ai neo diciottenni toscani, l'assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi. "Ciao! Entro quest'anno sei diventato o diventerai maggiorenne. A diciotto anni si possono fare tante nuove cose, anche aiutare gli altri con un gesto semplice come donare il sangue. Ci avevi mai pensato? Donare il sangue è un gesto di grande civiltà, un atto prezioso, non solo per chi lo riceve, ma anche per chi lo compie". Comincia così la lettera che l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi ha scritto a tutti i ragazzi toscani nati nel 2000, e che quindi hanno compiuto o compiranno 18 anni quest'anno. La lettera arriverà a casa entro Natale a circa 33.300 ragazzi, che, essendo diventati maggiorenni, possono decidere di donare il sangue. Insieme alla lettera, un dépliant della campagna regionale per la donazione del sangue, "Per vincere bisogna dare il sangue", con tutte le informazioni per chi vuole donare.

Nella lettera, l'assessore ricorda che il dono del sangue può dare la vita a una persona, che donare è un gesto semplice, esente da rischi, e che tra l'altro permette a chi dona di controllare periodicamente la propria salute. E conclude: "Festeggia così la tua maggiore età e diventa una persona grande, una grande persona".

Nel 2017 in Toscana i donatori nella fascia di età 18-25 anni sono stati 12.693, cioè l'11% del totale dei donatori (120.863). "Voglio evidenziare - chiarisce Simona Carli, responsabile del Centro Regionale Sangue - che non sono i giovani che mancano di valori, anzi. Ma è l'andamento demografico che porta all'impoverimento della fascia dei giovani a vantaggio di quella degli ultra65enni. Per questo vogliamo puntare sui giovani che abbiamo".
Martedì 18 dicembre 2018 alle 15:04:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News