Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 11.17 del 23 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Furti in casa, Massa-Carrara ben oltre la media italiana

La provincia è presa di mira in misura maggiore rispetto alla media nazionale (+18,85%). E la percentuale dei ladri italiani sale al 52%

530 visite sgradite in un anno
Furti in casa, Massa-Carrara ben oltre la media italiana
Massa-Carrara - Nel 2017 lo 0,755% delle famiglie italiane ha subito uno almeno un furto nella propria casa. A rivelarlo, un'indagine della giornalista Milena Gabanelli per Il Corriere della Sera, che mette in luce, oltre ai dati relativi ad ogni provincia italiana, le modalità di furto, l'origine dei ladri e le tecniche più utilizzate.

La Toscana è una delle regioni maggiormente colpite dal fenomeno, con la provincia di Pisa in testa alla classifica per numero di famiglie derubate sul totale (789 furti). Per quel che riguarda la zona apuana, a Massa-Carrara si sono verificati 530 furti: 0,90% la percentuale di famiglie derubate, con una differenza di +18,85 punti percentuali rispetto alla media nazionale.

Ma da dove arrivano i ladri? Una questione che Gabanelli ha approfondito e che mira a colmare l'insufficiente preparazione dell'italiano medio in merito all'argomento. Tra denunce a piede libero e arresti, la percentuale dei nostri connazionali è salita negli ultimi anni fino al 52% del totale. Seguono albanesi, romeni, georgiani, marocchini, serbi, montenegrini e croati.

Un altro aspetto analizzato è quello relativo alle tecniche utilizzate per il furto: l’effrazione della porta d’ingresso con danno è il campo d’azione di nomadi, romeni e italiani. Moldavi, albanesi e georgiani riescono invece a entrare senza lasciare traccia grazie alla la tecnica del «lock picking» per le serrature a doppia mappa (bloccando il meccanismo con un sensore e inserendo la "chiave bulgara", che prende la forma interna della serratura), oppure, con la nuova tecnica del «key bumping», usando un chiave passepartout limata che viene inserita nella serratura e picchiettata con il martello. I sudamericani, infine, preferiscono entrare dalla finestra o dal balcone, mentre alcuni ladri italiani, sono specializzati nell’apertura delle serrature elettroniche e nella disattivazione di allarmi.

Una tendenza non trascurabile riguarda poi il calo costante del numero di furti: meno 23,5% fra il 2014 e il 2017. I meriti sono molteplici: allarmi, porte blindate, attività di prevenzione da parte delle forze dell’ordine che possono contare sulla statistica. Da qualche anno a questa parte, hanno nella statistica una valida alleata. La percentuale delle vittime del furto è quindi scesa dallo 0,991% del 2014 allo 0,755% del 2017, dati provenienti dal Ministero degli Interni.

CLAUDIA CELLA

Venerdì 28 giugno 2019 alle 14:10:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News