Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 08.09 del 6 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Centinaia in fila al Cup: tensione, caos e polizia. L'Asl: «Ci scusiamo coi cittadini»

Tanti disagi si sono registrati stamani nei distretti di via Bassa Tambura a Massa e di Avenza. Salvadori (Uil): «L'azienda sanitaria fa orecchie da mercante»

intervenute le forze dell'ordine
Centinaia in fila al Cup: tensione, caos e polizia. L´Asl: «Ci scusiamo coi cittadini»
Massa-Carrara - “C’erano 200 persone stamani in fila al distretto di via Bassa Tambura, alla ripresa delle attività dopo i tre giorni di sciopero dei dipendenti delle cooperative. E’ dovuta intervenire la polizia per tenere sotto controllo la situazione. A quanto pare l’azienda non ha intenzione di prendere atto delle segnalazioni dei lavoratori e dei sindacati: la tensione sale di giorno in giorno e non si prende alcun tipo di provvedimento”. Claudio Salvadori, segretario della Uil Fpl Massa-Carrara, torna a incalzare la dirigenza della Usl Toscana nord ovest sulla gestione delle code agli sportelli Cup e ai distretti, non solo di via Bassa Tambura ma di tutta la provincia perché questa mattina c’è stato "l’ennesimo episodio al limite e la vicenda sembra ormai fuori controllo". Ne abbiamo parlato qui.

“Lo ribadiamo un'altra volta, sperando che qualcuno la smetta di fare orecchie da mercante: si rischia davvero il fattaccio. C’è troppa tensione – prosegue Salvadori –, che sale ora dopo ora mentre le persone sono costrette a fare file interminabili che arrivano pure all’esterno degli edifici, adesso pure sotto il sole cocente, con le mascherine in volto. Non è accettabile che un’azienda sanitaria di queste dimensioni non sia in grado di trovare una soluzione per accelerare le procedure o almeno snellirle. I cittadini, esasperati, riversano la frustrazione sugli operatori: spesso a parole, con attacchi verbali che sfociano in minacce. Ma non mancano anche episodi più gravi. E’ evidente che affidarsi al buon senso e alla comprensione dell’utenza non basta perché si è passato il limite. I lavoratori ci chiedono aiuto e noi rivolgiamo ancora una volta lo stesso appello all’azienda, peraltro già messo nero su bianco in una lettera inviata alla dirigenza: si richiede un immediato intervento in merito ed un incontro con le organizzazioni sindacali per una valutazione di un problema che secondo noi, vista la situazione generale è destinato ad aumentare le criticità per gli operatori e gli utenti. E’ chiaro – conclude il segretario Uil Fpl – che se dovesse succedere qualcosa di più grave riterremmo la stessa azienda responsabile visto che non ha neppure provato a migliorare la situazione”.

L'ASL: «CI SCUSIAMO COI CITTADINI»
Monica Guglielmi, direttore della zona Apuana, in relazione ai disagi registratisi non solo nel distretto di Bassa Tambura a Massa ma anche in quello di Avenza a Carrara oltre a scusarsi per i disagi subiti dai cittadini, interviene su quanto accaduto. "Stamattina i responsabili dei distretti mi hanno informata di alcuni episodi di disordini che si sono verificati all'apertura dei distretti di Massa città e Avenza, causati da una numerosa fila di persone in attesa di poter effettuare le prestazioni agli sportelli CUP. Dopo un primo momento di concitazione, è stata ristabilita la calma e tutto è rientrato nella normalità. Faccio presente che, a causa del Covid, sono stati chiusi tre distretti nella zona Apuana: quello di Montignoso è stato già riaperto da tempo, quello di Marina di Carrara più recentemente e nei prossimi giorni sarà nuovamente attivo anche il distretto di Villette, attualmente sede del personale USCA (unità speciali di continuità assistenziale, ossia medici ed infermieri di supporto nell'assistenza ai cittadini COVID positivi). Per evitare che riaccadano episodi come quello avvenuto stamani, stiamo valutando nuove ed ulteriori modifiche all'organizzazione".

L'Asl Toscana nord ovest ricorda che «la prenotazione di visite ed esami può essere effettuata tramite il servizio on-line disponibile sul portale della Regione Toscana al link https://prenota.sanita.toscana.it/ oppure agli sportelli Cup presenti nelle sedi distrettuali. In alternativa è possibile prenotare: - nelle farmacie pubbliche e private che aderiscono alle convenzioni regionali per i servizi al cittadino (prenotazione, disdetta, pagamento ticket); - ai totem- tramite CUP telefonico ai numeri: 0585/493797 dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00; sabato dalle 8.00 alle 13.00. E’ possibile effettuare il pagamento ticket anche dal proprio computer o da smartphone e tablet collegandosi al portale Iris della Regione Toscana oppure alle casse automatiche e nelle farmacie».
Giovedì 25 giugno 2020 alle 18:53:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News