Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 22.49 del 19 Marzo 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Turismo, coi "condhotel" siamo a una svolta per le grandi incompiute? | Sondaggio

Mediterraneo e Marble Hotel a Carrara ed ex-colonie a Massa: la Regione approva delibera che permette ai proprietari delle strutture ricettive di realizzare il 40% di appartamenti. La Voce Apuana lancia il sondaggio: sei favorevole o contrario?

DICCI LA TUA
Turismo, coi `condhotel` siamo a una svolta per le grandi incompiute? | <a href=´/sondaggi/N18/hotel-mediterraneo-marble-hotel-ex-colonie-sei-favorevole-o-contrario-alla-trasformazione-in-appartamenti-del-40-della-struttura-turistica-qualora-si-procedesse-all-effettiva-conclusione-dei-lavori.aspx´ class=´FotoVideoA1´>Sondaggio</a>
Massa-Carrara - Uno sblocco per hotel incompiuti e strutture turistiche abbandonate della provincia di Massa-Carrara? Potrebbe incidere anche su questo l’approvazione della Regione Toscana delle regole per l’avvio e l’esercizio dei cosiddetti “condhotel”, una parola che unisce condominio e hotel. Nello specifico, i condhotel, sono quelle strutture turistiche, molto diffuse all’estero, che decidono di trasformare alcune camere d'albergo in appartamenti, i quali possono essere acquistati da privati che possono utilizzarli per viverci come propria residenza, o usarli per le loro vacanze fruendo dei servizi offerti dall'albergo, o, se lo desiderano, ricavarne un reddito affidandoli alla gestione alberghiera.

"E' una novità molto importante - afferma l'assessore al turismo Stefano Ciuoffo - che segue l'evoluzione del mondo della ricettività turistica e delle mutate esigenze dei turisti nei diversi contesti urbani. Grandi alberghi in zone un tempo rinomate oggi non hanno più tali esigenze di camere da albergo e possono così trasformare in parte la struttura ampliando l'offerta turistica in base alle esigenze dei nuovi tipi di visitatori. Alberghi troppo grandi spesso soffrono di un tasso di occupazione delle camere che con questa opportunità rendiamo superabile. Un modo per dare ossigeno a un comparto che deve stare al passo con i tempi ma che non aveva lo strumento normativo per poterlo fare".

"Con questa delibera – commenta l'assessore all'urbanistica Vincenzo Ceccarelli - abbiamo voluto creare una opportunità che vada nella direzione dello sviluppo delle attività turistiche, ma allo stesso tempo anche un percorso più certo a vantaggio degli interventi che vadano nella direzione della riqualificazione di strutture esistenti, nel rispetto di quello che è lo spirito della legge urbanistica regionale".

La delibera spiega anzitutto che l'ipotesi di trasformazione di una Residenza turistico-alberghiera (Rta) in condhotel è prevista dalla legge regionale 86 del 2016, il Testo unico del sistema turistico regionale. L''esercizio alberghiero' comprende infatti sia gli alberghi che, appunto, le Rta in quanto struttura ricettiva alberghiera. E sempre il TU dice che le Rta, in caso di interventi edilizi, possono trasformarsi in condhotel e, come tali, essere assoggettate all'articolo 23 che li disciplina.
Poi viene spiegato che la trasformazione di un albergo o di una Rta in condhotel può realizzarsi solo a patto di effettuare interventi edilizi di ‘riqualificazione' (come stabilito dalle norme nazionali - d.p.c.m. 22 gennaio 2018, n. 13 – che regolano il condhotel) ovvero restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia. Ed inoltre che dopo la trasformazione in condhotel vengano mantenuti almeno sette alloggi (solo camere, solo unità abitative, oppure camere e unità abitative) a destinazione turistico ricettiva.

L'art 23 del TU stabilisce che la superficie complessiva delle unità abitative residenziali non superi il 40 per cento di quella del compendio immobiliare; però, anche considerando quanto stabilito a livello nazionale, nella superficie netta destinata alle "camere" vanno compresi i bagni ad uso comune, i locali accessori, i pianerottoli ed i corridoi di accesso qualora ad esclusivo servizio degli alloggi ad uso turistico-ricettivo, ed esclusi i locali ad uso comune (reception, bar, sala ristorante, sala soggiorno, sala riunioni, centro benessere ed altri).

Infine viene indicato che il mutamento della destinazione d'uso, da turistico-ricettiva a residenziale, determina un frazionamento immobiliare ed un mutamento della categoria catastale e che, qualora sia necessaria una variante urbanistica, la legge regionale in materia di governo del territorio (l.r 65/2014) già prevede modalità semplificate per l'approvazione di varianti agli strumenti urbanistici dei Comuni.

GLI EFFETTI A MASSA-CARRARA
A partire dal cratere nel centro di Marina di Carrara, dove sorgeva l’Hotel Mediterraneo, al Marble Hotel, l’ecomostro che sorge da trent’anni all’uscita dell’autostrada di Carrara, fino ad arrivare alle ex-colonie di Marina di Massa, gli effetti della decisione della Regione potrebbero influire positivamente anche su queste storiche incompiute in un caso e strutture abbandonate e degradate nel caso delle colonie. E riguardo al Mediterraneo, la proprietà dell’area, rappresentata dall’imprenditore e armatore, Enrico Bogazzi, aveva più volte chiesto a Palazzo civico la possibilità di realizzare una parte di appartamenti (proprio il 40%) nel futuro albergo che dovrà sorgere in via Genova. Opportunità negata dal Comune, da qui un braccio di ferro per cui Bogazzi decise di mantenere fermo il cantiere con tutto il degrado che ne è conseguito e che tutt’ora permane.
Una possibilità di sblocco potrebbe arrivare anche per il Marble Hotel. Infatti, con la prossima realizzazione della rotatoria su viale Galilei, per la proprietà potrebbe diventare conveniente chiedere una variazione e trasformare una parte delle 150 camere previste dal progetto originario in appartamenti. Insomma la situazione delle grandi incompiute parrebbe a una svolta. Ma il condizionale è d’obbligo.

IL SONDAGGIO
E a questo punto lanciamo il sondaggio. Hotel Mediterraneo, Marble Hotel, ex-colonie: sei favorevole o contrario alla trasformazione in residenziale del 40% della struttura turistica qualora si procedesse all’effettiva conclusione dei lavori? Vota qui sotto e inviaci la tua opinione all’indirizzo redazione@voceapuana.com.
Lunedì 11 marzo 2019 alle 14:16:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Hotel Mediterraneo, Marble Hotel, ex-colonie: sei favorevole o contrario alla trasformazione in appartamenti del 40% della struttura turistica qualora si procedesse all’effettiva conclusione dei lavori?



Notizie Massa Carrara





-


Sondaggio

Hotel Mediterraneo, Marble Hotel, ex-colonie: sei favorevole o contrario alla trasformazione in appartamenti del 40% della struttura turistica qualora si procedesse all’effettiva conclusione dei lavori?

























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News