Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 22.21 del 7 Luglio 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Tagli alle scuole apuane, la protesta torna in piazza

Sabato alle 17 in piazza Berlinguer a Massa si svolgerà il presidio del Coordinamento di Massa-Carrara. Ferri (Iv): «Nel nuovo decreto procedure semplificate per sicurezza edifici»

«no alla didattica a distanza»
Tagli alle scuole apuane, la protesta torna in piazza
Massa-Carrara - La protesta contro i tagli alla scuola apuana esce dal web e torna in piazza ma a distanza. Si è svolta ieri sera la seconda assemblea pubblica online organizzata dal gruppo promotore del Coordinamento Scuola Massa-Carrara, che ha visto la partecipazione di 90 persone, in rappresentanza sia degli studenti che dei genitori che di tutto il personale della scuola.

Gli interventi hanno ribadito la volontà di proseguire insieme, animati dalla consapevolezza dei grandi problemi che abbiamo di fronte e della necessità di mobilitarsi allargando il più possibile questo coordinamento. Il coordinamento si dividerà in gruppi di lavoro per affrontare i nodi da sciogliere perché «vogliamo tornare a scuola a settembre in sicurezza».

Ognuno ieri sera ha espresso le proprie difficoltà durante la didattica a distanza (dad): le famiglie, gli studenti, i docenti concordano che questo metodo sia stato utile in emergenza ma non possa diventare normalità. L’assunzione e la stabilizzazione dei precari, sia docenti che Ata,  l’adeguamento degli edifici scolastici, sia attraverso la manutenzione di quelli esistenti che trovandone di nuovi, sono gli interventi necessari per rientrare a scuola.

«Accanto – dicono i promotori dell'iniziativa – a noi speriamo di vedere enti e istituzioni, con cui rivendicheremo interlocuzione e collaborazione diretta sia a livello locale che nazionale. Il primo appuntamento di questo percorso sarà un presidio pubblico, invitiamo quindi tutta la cittadinanza a partecipare portando cartelli e striscioni sabato 30 maggio, alle ore 17, in piazza Berlinguer a Massa».

«Manifesteremo – spiegano – rispettando le dovute distanze di sicurezza, tutti insieme per respingere i tagli agli organici previsti per la provincia di Massa-Carrara e per chiedere con forza che le istituzioni inizino da subito a organizzare un rientro a scuola a settembre in presenza e in sicurezza, attraverso principalmente un aumento degli organici (a partire dalla stabilizzazione dei precari) e una definizione puntuale degli spazi. La dad non è scuola. Vogliamo una scuola a disza zero e in sicurezza».

FERRI (IV): «NEL DECRETO SCUOLA PROCEDURE SEMPLIFICATE PER GLI EDIFICI»
Intanto sull'argomento è intervenuto il deputato di Iv, Cosimo Ferri: «Nel testo del decreto Scuola al Senato sono state inserite, grazie ad un emendamento presentato da Italia Viva, importanti novità in materia di edilizia scolastica finalizzato a fornire agli Enti locali gli strumenti per porre in essere rapidamente interventi infrastrutturali. Un vero piano shock per la sicurezza delle scuole. Anche la nostra Provincia ne potrà e dovrà beneficiare per avviare un piano efficace e risolutivo su tante strutture scolastiche. Con la nuova normativa saranno conferiti più poteri ai presidenti delle Province e ai sindaci che assumeranno le funzioni di Commissari straordinari. In questo modo si inseriscono procedure semplificate e veloci per consentire agli stessi di operare in deroga alle disposizioni in materia di contratti pubblici. I commissari gestiranno le procedure d'appalto e vigileranno sulla realizzazione dei lavori e sul rispetto delle tempistiche. A tal fine sono state stanziate importanti risorse pari a 2 miliardi di euro, immediatamente disponibili che si aggiungono alle risorse stanziate nella legge di bilancio, nel piano di investimenti e nel decreto Rilancio. Un passo importante in previsione del ritorno a scuola in sicurezza dei nostri ragazzi. Non c’ è tempo da perdere. L’istruzione, la sicurezza e l’incolumità dei ragazzi e del personale della scuola sono al primo posto e sono essenziali per la ripartenza del nostro Paese».

E Forza Italia interviene con Lucian Martisca, coordinatore comunale di Carrara di Fi Giovani: «L’edilizia scolastica della nostra provincia è stata in questi anni vittima dell’inesistenza dell’apparato politico e amministrativo di ogni ordine, dal Comune alla Regione, creando così la peggiore delle situazioni e della sicurezza pubblica degli insegnanti e degli alunni. Gli stessi costretti a stare in edifici fatiscenti e pericolanti contro ogni normativa di legge e tutti in stato di imminente chiusura per rischio statico. La gravita della situazione creata dal rischio sanitario per il coronavirus, può creare almeno, nel suo male, le condizioni favorevoli al recupero degli immobili e degli edifici scolastici. Cogliamo questa situazione per recuperare le scuole e per rimandare i nostri studenti concittadini in scuole sanificate, ristrutturate, sicure e moderne. Richiamiamo all’appello chi ha la responsabilità politica e amministrativa , comune e provincia, perché il nostro territorio possa garantire il benessere e la sicurezza degli alunni, costretti in passato a studiare in ambienti fatiscenti e non idonei, costretti a cambiare sede e unirsi ad altri istituti, costretti a variazioni d’orario insensate, dove neppure il riscaldamento invernale e il soffitto in cartongesso, fossero contro di loro. I soldi ci sono. Se il vicesindaco di Carrara ha trovato 3 milioni di euro da dare alla Paradiso Spa e circa un milione all’anno a beneficio della stessa, evidentemente i soldi in cassa non mancano, e le scuse stanno al palo».

(foto: repertorio)
Venerdì 29 maggio 2020 alle 12:08:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News