Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Edizione del weekend

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Fase 2 e mezzi pubblici, un cittadino: «A Carrara corse saltate e ritardi. Apoteosi del disservizio»

"Non c'è stato un valido incremento di mezzi. Diverse persone costrette ad aspettare un autobus sufficientemente vuoto per poterle trasportare"

la segnalazione
Fase 2 e mezzi pubblici, un cittadino: «A Carrara corse saltate e ritardi. Apoteosi del disservizio»
Massa-Carrara - "Da questo lunedì, complice anche la ripresa del mercato settimanale a Carrara, il numero di utenti del servizio bus è cresciuto in maniera esponenziale. Purtroppo a questo non è seguito un valido incremento dei mezzi pubblici, con diverse persone costrette ad aspettare alle fermate un autobus sufficiente vuoto per poterle trasportare". A segnalare il problema è un cittadino, Fabio Gemignani, la cui intenzione, come da lui stesso sottolineato, non è quella di rappresentare tutta la cittadinanza ma di «sfogarsi personalmente verso una situazione giudicata da molti non più sopportabile».

"Come se tutto ciò non bastasse - aggiunge l'uomo - stamani abbiamo assistito all'apoteosi del disservizio. Oltre a dover aspettare un autobus sotto la pioggia, ad una fermata priva di pensilina (c'era ma è stata incidentata e non più sostituita), due corse si sono pure permesse di non transitare. O forse dovrei dire una, perché quella che transita dall'ospedale NOA in direzione Carrara è arrivata, ma con almeno mezz'ora di ritardo sull'orario previsto dalla loro app "Teseo", per cui non ho capito se si trattava della corsa precedente ritardataria o di quella successiva. Ma la cosa che mi preme sottolineare è che queste corse erano già quasi al carico massimo consentito fin da quando sono transitate da Marina di Carrara. Non sto a riferire i commenti delle persone a bordo e di quelle che abbiamo incontrato strada facendo lasciate a terra, tutt'altro che lusinghieri.

Siamo ufficialmente nella Fase 2 del dopo Coronavirus, sono riprese molte attività e le persone hanno necessitano di muoversi per le più disparate esigenze, eppure il gestore locale non sembra essersene reso conto. Si incoraggia di favorire il commercio locale, ma non vengono forniti idonei mezzi di spostamento (non tutti hanno la fortuna di avere un negozio di intimo sotto casa), mentre di tutte quelle misure che dovevano essere messe in atto per la ripresa dei lavori ed evitare affollamenti sui mezzi pubblici, come avete evidenziato in un recente vostro articolo, quasi non se ne vede traccia, fatte salve le sanificazioni, i cartelli per segnare i posti (troppe volte non rispettati), l'aumento del numero dei passeggeri consentiti da 7 – 9 per mezzo a 14 – 16 per mezzo. E' una situazione veramente assurda, a cui l'utenza comincia ad essere fortemente insofferente.

In tutto questo voglio spezzare una lancia a favore dell'autista che, constata l'anomalia, si è prodigato a contattare la propria centrale operativa, per poi spiegare agli adirati passeggeri e alle persone in attesa alle varie fermate incontrate la situazione, dando prova di accurata professionalità".
Mercoledì 20 maggio 2020 alle 14:59:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Vota il miglior numero 10 della storia della Carrarese


















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News