Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 11.17 del 23 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Aumentano gli infortuni sul lavoro a Massa-Carrara nel primo trimestre

Paolo Bruschi (Anmil): «Questi dati confermano la gravità del fenomeno infortunistico»

in calo le malattie professionali
Aumentano gli infortuni sul lavoro a Massa-Carrara nel primo trimestre
Massa-Carrara - Sono in aumento gli infortuni sul lavoro in tutta la Toscana e a Massa-Carrara nei primi tre mesi del 2019. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, infatti, le denunce all'Inail sono aumentate dello 0,9% nella provincia apuana: da 567 si è passati ai 572 di quest'anno. Lo dice l'elaborazione effettuata da Anmil, l'associazione lavoratori mutilati e invalidi del lavoro. Le malattie professionali denunciate, invece, sono in calo del 3%, passate da 199 a 193.

«Pochi giorni fa in tutta Italia – commenta Paolo Bruschi, presidente territoriale Anmil – si è festeggiato il 1° Maggio, festa dei lavoratori, anche se per noi ha avuto ben poco il sapore della festa, perché, purtroppo di lavoro si continua a morire e a infortunarsi. Già nel 2015, sul finire della grave crisi economica, le morti sul lavoro avevano fatto registrare una crescita del 9,8%, proseguita poi nel 2017 con un +1,1%, per culminare nel 2018 con un incremento del 10,1% attestandosi su quota 1.133 morti vale a dire 3,1 decessi ogni giorno. Purtroppo anche i recentissimi dati relativi al primo trimestre del 2019, forniti dall’Open Data Inail, a livello nazionale, il numero dei morti si attesta sui 212 come nel solito periodo del 2018 mentre gli infortuni hanno registrato un sensibile aumento del 1,9% rispetto al solito periodo dell’anno scorso. La crescita è stata generalizzata a tutti i livelli a partire da quelli in itinere, passando per l’industria e servizi per finire all’agricoltura dove si è avuto l’aumento maggiore con un +9,3%. Mentre nella nostra regione abbiamo avuto un aumento di infortuni del 4,4%, 10 morti, uno in più dello scorso anno, e un decremento del -4% delle malattie professionali denunciate. Nella nostra provincia gli infortuni denunciati sono stati 572 con un aumento dello 0,9% rispetto al solito periodo del 2018, fortunatamente non abbiamo avuto infortuni mortali e le malattie professionali hanno visto una diminuzione del 3%. Davanti a questi numeri – prosegue Paolo Bruschi - a nome delle centinaia di migliaia di vittime del lavoro nel nostro paese rivolgiamo un accorato appello ai rappresentanti delle massime istituzioni in materia a condividere un impegno comune che veda ciascuno adoperarsi concretamente per un medesimo obiettivo: quello in cui la sicurezza sia per tutti un valore aggiunto ed un investimento, non un costo che fa bene al lavoratore, al datore di lavoro e alla società, nel rispetto della dignità dei lavoratori. Serve, dunque quel salto di qualità, un cambio di rotta che renda concrete ed efficaci le numerose dichiarazioni di intenti che i numeri dimostrano essere solo parole al vento».
Sabato 4 maggio 2019 alle 13:10:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News