Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 23.51 del 22 Maggio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Vaccini, dalle scuole lettere illegittime che intimano la sospensione dei bimbi»

Lo affermano dal Comitato provinciale dei Genitori per la Libera Scelta di Massa-Carrara: «Ecco per chi è valida la scadenza del 10 marzo»

obbligo vaccinale
«Vaccini, dalle scuole lettere illegittime che intimano la sospensione dei bimbi»
Massa-Carrara - «Portiamo a conoscenza dell'opinione pubblica che negli ultimi giorni, come è successo a inizio dell'anno scolastico, alcune scuole della provincia di Massa-Carrara stanno inviando ai genitori di minori della fascia 0-6 anni una lettera in cui li si invita a portare il libretto con le vaccinazioni indipendentemente dalla documentazione presentata a settembre, per esempio la formale richiesta di appuntamento all’Asl, prevista dall'art. 3 comma 1 della legge 119/2017, pena la sospensione dei piccoli dalla frequenza». Ad affermarlo è il Comitato provinciale dei Genitori per la Libera Scelta che evidenzia come la «sospensione della frequenza è un atto illegittimo in base alla stessa legge».

«A tal proposito – proseguono – segnaliamo che la legge 119/2017 prevede la scadenza del 10 marzo per la consegna del libretto vaccinale solo per quanti abbiano autocertificato di aver effettuato le vaccinazioni – scadenza procrastinata al 10 marzo 2019 dal decreto milleproroghe – mentre quanti abbiano autocertificato la formale richiesta di appuntamento all'Asl nulla devono presentare se non la prova di averlo chiesto: quest'ultimo è un percorso che per il resto si svolge esclusivamente con l'Asl. Il comma 1 dell'art. 3 legge 119/2017 infatti prescrive: “I dirigenti scolastici delle istituzioni del sistema nazionale di istruzione ed i responsabili dei servizi educativi per l'infanzia, dei centri di formazione professionale regionale e delle scuole private non paritarie sono tenuti, all'atto dell'iscrizione del minore di età compresa tra zero e sedici anni e del minore straniero non accompagnato, a richiedere ai genitori esercenti la responsabilità genitoriale, ai tutori o ai soggetti affidatari la presentazione di idonea documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni obbligatorie indicate all'articolo 1, commi 1 e 1-bis, ovvero l'esonero, l'omissione o il differimento delle stesse in relazione a quanto previsto dall'articolo 1, commi 2 e 3, o la presentazione della formale richiesta di vaccinazione all'azienda sanitaria locale territorialmente competente”».

«Ricordiamo inoltre – aggiungono dal Comitato genitori – che in nessuna parte della legge 119/2017, della legge regionale toscana e delle circolari è scritto che le scuole possano sospendere la frequenza, quando se mai gli obblighi vaccinali rappresentano requisiti per l’iscrizione (requisiti assolti con i documenti previsti al già citato art. 3, tra cui appunto la formale richiesta di appuntamento all’Asl): là dove, in caso di non regolarità della posizione vaccinale comunicata dall'Asl, si parla in modo molto generico di “adempimenti di competenza” delle scuole, la legge può giusto riferirsi alla distribuzione nelle classi dei bambini non ancora vaccinati ma con i documenti di iscrizione in regola. Ogni interpretazione difforme, come veicolata talvolta sui media, è da addebitarsi esclusivamente alla campagna di promozione delle vaccinazioni in atto e a una lettura parziale e suggestiva delle intenzioni del legislatore, ma non alla lettera della legge. Il Comitato provinciale dei genitori per la libera scelta, che sta seguendo le situazioni in cui si presentano tali difformità di interpretazione, invita i dirigenti scolastici a verificare puntualmente quanto descritto e in caso di dubbi si rende disponibile a chiarire tutti i nodi, normativa alla mano, per evitare alle scuole suddette l'erogazione di atti illegittimi».
Lunedì 11 marzo 2019 alle 07:03:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News