Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 16.40 del 22 Luglio 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Ridurremo le cave nel Parco del 30%». Arrivano i soldi per il piano

L'ente delle Alpi Apuane è riuscito ad aggiudicarsi 267mila euro sul bando regionale Psr. Putamorsi: «Li utilizzeremo per definire il progetto e raggiungere l'obiettivo»

il futuro delle cave
«Ridurremo le cave nel Parco del 30%». Arrivano i soldi per il piano
Massa-Carrara - Il Parco delle Alpi Apuane è riuscito ad aggiudicarsi 267mila euro sul bando regionale PSR (piano sviluppo rurale 2014/2020). La Regione Toscana ha approvato il progetto presentato dall'ente, finalizzato alla realizzazione del piano integrato per il parco, lo strumento di attuazione delle finalità del parco che comprende il piano del parco e il piano pluriennale economico e sociale per la promozione delle attività compatibili (come previsto dalla legge 394/1991).

"Abbiamo partecipato al bando con l'intento di recuperare risorse per definire il piano per il Parco ? afferma il presidente Alberto Putamorsi ? ci siamo riusciti e adesso dovremo avviare la pianificazione delle aree estrattive in zona Parco. Il mio obiettivo è di ridurle di circa il 30% come ho già più volte avuto occasione di dire".

Il piano per il Parco
È lo strumento che disciplina la perimetrazione definitiva del parco e quella delle aree contigue e suddivide il territorio in base al diverso grado di protezione con specifici vincoli e specifiche direttive per le aree contigue. Nella sezione pianificatoria, sostituisce i piani territoriali o urbanistici di qualsiasi livello, si conforma al PIT e obbliga gli enti locali ad adeguare i propri strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica alle previsioni in esso contenute.
Il Consiglio direttivo del Parco (deliberazione n. 21 del 30 novembre 2016) ha mutato i confini dell?area parco e dell?area contigua, ma non quelli delle aree contigue zone di cava (ovvero estrattive) che, fino alla approvazione del piano integrato per il parco, resteranno quelli individuati dalla legge regionale n. 65/1997. Il piano per il parco ha pianificato le aree naturali mentre sono prive di piano e di regolamenti, almeno fino alla approvazione del piano integrato per il parco, le aree contigue zone di cava.

Il piano integrato del Parco
Tratterà la pianificazione delle aree parco e delle aree contigue zone di cava come anche la programmazione delle attività socio economiche e culturali che si svolgono al loro interno. Il piano integrato avrà quindi il compito non facile di governare un territorio in cui convivono aree naturali (identificate come aree parco) con attività a basso impatto ambientale, e aree estrattive (identificate come aree contigue zone di cava), spesso intercluse alle aree parco. ?Oggi ? annuncia Putamorsi ? abbiamo l?opportunità dopo vent?anni di intervenire e pianificare le aree estrattive. Non nella quantità di marmo da escavare, materia questa di competenza della Regione Toscana, ma nella definizione delle aree da dedicare all?estrazione. Pianificando e programmando. Un?opportunità che definirei storica perché fino ad oggi abbiamo solo dovuto governare le attività estrattive e non pianificarle.?

Per partire occorre ricevere l'atto di avvio del procedimento da parte della Regione Toscana. Il Parco lo ha chiesto nel 2017. Ma intanto il Parco avvierà la procedura preparatoria indagando area per area, studiano e verificando le zone sotto il profilo ambientale avendo come priorità la salvaguardia delle falde idriche e indagando dal punto di vista giacimentologico.

Il piano integrato per il Parco dovrà essere completato entro il 31 dicembre del 2021. "Il Parco si assume l'onere di gestire l'impresa - afferma Putamorsi ? ma ricordo che sarà necessaria la collaborazione di tutti i soggetti istituzionali coinvolti, in primis la Regione Toscana".
Venerdì 4 gennaio 2019 alle 07:03:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News