Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 09.32 del 7 Aprile 2020

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Basta sfratti durante l'emergenza Covid-19». L'appello al Prefetto

Nel 2018 sono state emesse 226 convalide di sfratto, 423 richieste di esecuzione e 110 sfratti eseguiti con la forza pubblica.

Emergenza abitativa
Massa-Carrara - «C'è chi dice di restare a casa in questo momento, ma se da casa mia mi buttano fuori, dove dovrei andare?». Lo chiedono gli iscritti all'Unione sindacale di Base, che si appellano al prefetto di Massa Carrara affinché sospenda gli sfratti durante il periodo di emergenza da Covid-19. Anche il sindacato Sunia muove lo stesso appello. Ricordando che nel 2018 sono state emesse 226 convalide di sfratto, 423 richieste di esecuzione e 110 sfratti eseguiti con la forza pubblica.

«Con la grave emergenza causa dal Coronavirus stanno aumentando le criticità, non soltanto sotto il profilo sanitario, ma anche sotto il profilo economico ed occupazionale con grande difficoltà per molte famiglie». Il rischio è quello di perdere l'alloggio. Per questi motivi il Sunia chiede al Prefetto di Massa Carrara «la sospensione degli sfratti fino alla fine del mese di aprile. Inoltre chiediamo ai sindaci di attivarsi per incrementare gli interventi a sostegno dei nuclei familiari sotto sfratto, e procedere alla sospensione delle esecuzioni. Sarà importante l'istituzione di un tavolo, con prefetto, comune, e sindacati sul quale definire tempi e modi degli sfratti, per garantire alle famiglie il passaggio da casa a casa utilizzando tutte le risorse che il territorio offre».

Alle istituzioni locali, alla prefettura, alle autorità tutte, si appellano anche gli scritti Usb, sezione asia. «In data 6 Marzo come sindacato Asia Usb abbiamo scritto al Prefetto di Massa Carrara e ai sindaci dei comuni della costa per chiedere l'immediata sospensione di sfratti, sgomberi e pignoramenti della prima casa. L’esecuzione degli sfratti o il rilascio delle prime case di abitazione pignorate potrebbero riguardare anche persone che sono già positive al contagio o esporre i componenti del nucleo familiare sfrattato al virus. Tenendo conto che spesso in questi nuclei famigliari sono presenti minori, anziani, persone disabili e altri soggetti deboli, la sospensione degli sfratti ci sembra misura urgente».

«Questa misura di semplice buonsenso è stata adottata dal Prefetto di Milano il 25 febbraio 2020 con l'emanazione di un'ordinanza che dispone la sospensione degli sfratti a Milano e provincia. Proprio ieri la stessa richiesta è stata accolta da Prefettura e Tribunale di Livorno. Vogliamo ricordare che Prefetto e Sindaco sono responsabili della salute pubblica ed è evidente che non si possano rispettare i recenti decreti senza avere un'abitazione, oltretutto in questo momento per esempio i servizi sociali di Massa hanno sospeso i colloqui e quindi le famiglie in difficoltà non possono appoggiarsi neanche agli uffici competenti. Eppure a livello locale per ora non si è mosso ancora nulla».
Giovedì 12 marzo 2020 alle 10:32:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Chi è il miglior giocatore della Serricciolo?




















Chi è il miglior giocatore del Don Bosco Fossone?























Coronavirus, mascherina obbligatoria in Toscana. Tu sei d'accordo?

















Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Liguria News