Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 13.27 del 9 Dicembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

I balneari massesi: «Più ombre che luci nella stagione 2019»

Il Consorzio interviene per commentare l'estate: «Troppe criticità: la bonifica delle falde, il lavarone, l'alga tossica e i lavori antierosione. Presenze in calo»

il bilancio
I balneari massesi: «Più ombre che luci nella stagione 2019»
Marina di Massa - «Senza una regia, un forte brand e un sistema organizzato e sinergico difficilmente si può andare avanti o anche solo pensare di competere con destinazioni che vedono il comparto turistico come un vero e proprio volano della propria economia». Non è soddisfatto il Consorzio balneari di Marina di Massa che interviene per commentare il bilancio della stagione balneare 2019.

«Siamo un territorio disomogeneo soprattutto quando si parla delle singole categorie: c’è bisogno di una governance che gestisca e organizzi il territorio mettendo a sistema tutti i soggetti coinvolti nel comparto turistico. Quando il sistema è organizzato e tutte le sue componenti sono in sintonia si riescono ad affrontare le problematiche che nascono durante la stagione. Le criticità nate all’inizio dell’estate come i divieti di balneazione, la bonifica delle falde, il lavarone, l’alga Ostreopsis ovata e i lavori antierosione, non hanno favorito il nostro territorio dal punto di vista turistico. Appare evidente quindi che la stagione 2019 non sia stata sotto una buona stella e si è percepito un calo di presenze significativo».

Il Consorzio dei balneari di Marina di Massa è convinto che «se ci fosse stato un sistema turistico alle spalle probabilmente il territorio avrebbe potuto affrontare il danno causato dall’insieme di queste situazioni, che hanno inciso sull’apporto turistico».

LE NOTE POSITIVE
Non ci sono però solo note negative. Il Consorzio ha apprezzato «l’impegno di Asmiu per migliorare il servizio della raccolta differenziata che ha avuto note positive ma c’è ancora molto da migliorare, specialmente nella zona ad alto tasso di concentrazione, come la Partaccia.
Apprezzate anche le iniziative dal respiro internazionale che hanno portato la nostra città ad una visibilità vincente: il raduno di auto d’epoca Terre di Canossa svoltosi all’inizio di aprile e a seguire il concorso internazionale di musica dell’associazione "Clara Wieck Schumann”, e ancora l’evento sportivo The Night of Triathlon e Paratriathlon all’inizio di giugno, caldamente apprezzato anche fuori provincia e la Biennale d’arte contemporanea di Massa e Montignoso, che ha portato artisti che rappresenteranno l’Italia ad Expo 2020 in terra araba».

«E’ necessario adesso – conclude il consorzio – lavorare ad una progettazione del territorio quinquennale, che possa realizzare opere strutturali che diano un’identità alla nostra città con obiettivi condivisi dall’amministrazione e dalle categorie per emergere come destinazione turistica di successo. E’ importante però costruire una squadra che dia le linee guida come una regia per fare quel salto di qualità che aspettiamo da tempo e di cui da troppo tempo si parla. Serve, in tempi brevi, l’approvazione del Regolamento urbanistico e i relativi piani particolareggiati per disegnare la destinazione».
Mercoledì 9 ottobre 2019 alle 21:43:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News