Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
Contattaci
Ultimo aggiornamento ore 13.34 del 12 Novembre 2019

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Lavoro nero, turni massacranti. Il turismo apuano è anche questo»

«Il lavoro che non vedi, vale». Al via #Backstage, la campagna della Cgil che lancia l'allarme

810 assunti per l'estate
«Lavoro nero, turni massacranti. Il turismo apuano è anche questo»
Marina di Massa - È un settore che non può essere delocalizzato, quello turistico, potenzialmente strategico per far crescere l'economia locale. Spesso, però, è proprio nell'ambito del lavoro stagionale che emergono situazioni di lavoro nero o grigio: contratti semi regolari, nessun giorno libero, turni di lavoro massacranti. La Filcams Cgil di Massa Carrara oggi, giovedì, ha realizzato un presidio per lanciare la campagna di informazione: “Turismo, il lavoro che non vedi vale. #Backstage: i diritti che non vedi quando vai in vacanza”. Una campagna nazionale nata a seguito delle molte testimonianze che trattano di condizioni precarie di lavoro, e per meglio dire di sfruttamento, nel settore turistico: “Molti lavoratori e molte lavoratrici a fine stagione si rivolgono ai nostri uffici denunciando situazioni di lavoro nero o grigio – scrive il sindacato - ovvero assunte con un part time ma poi svolgono un orario full time pagato fuori busta o ancora lavoratori che non hanno avuto nessun giorno di riposo durante la stagione. Un lavoro tutelato, adeguatamente formato, ben retribuito e professionalizzato è invece garanzia di un servizio all'altezza delle aspettative”.

BackStage è una campagna che parla anche ai turisti richiamando l'importanza di tutto quello che non vedono, ciò che sta dietro alla loro vacanza, ma che è fondamentale al fine di avere un servizio eccellente. Domani mattina, venerdì 30 agosto, un presidio si terrà anche nei pressi della spiaggia libera alla rotonda al termine di viale della Repubblica.

«Il turismo potrebbe avere un ruolo fondamentale nel rilancio della nostra economia- interviene Sebastiano Salaro, segretario generale della Filcams Cgil di Massa-Carrara - Ma è in questo settore che si trovano molti contratti irregolari. In un hotel di Marina di Massa una lavoratrice sta lavorando senza giorno libero, con ferie, permessi individuali, tfr e tredicesima pagati in busta paga. Finita la stagione interverremo per tutelarla. C'è infatti la possibilità di denunciare anche al termine del contratto di lavoro. Le persone possono venire in Cgil, con buste e contratti. Faremo le valutazioni del caso e poi inizieremo a scrivere all'azienda, provando in maniera conciliativa a reclamare i diritti dei lavoratori. Sennò passeremo a fare denuncia alla direzione territoriale del lavoro: la testimonianza dei colleghi può valere da prova».

ALCUNI NUMERI
Il fenomeno turistico in provincia di Massa-Carrara, segnala la Cgil, ha rappresentato da sempre un motore non marginale di crescita dell’economia territoriale, contribuendo a formare circa l’8% del Pil locale e attivando un’occupazione pari a quasi 6.500 unità di lavoro.
Il dato complessivo degli occupati nella nostra provincia, secondo i dati Istat, è pari a 77.049 unità, di cui la parte più consistente è concentrata nel settore dei Servizi (57.575), per un’incidenza del 74,7%, un valore nettamente superiore sia della media della regione Toscana (70,9%), sia dell’Italia (70,1%).
Questo dato esemplifica come gli occupati del commercio, del turismo e degli altri comparti legati ai servizi, siano, nella provincia di Massa-Carrara, molto più presenti che altrove, con tendenze negli ultimi anni più interessanti rispetto ad altri comparti economici.
Conferma ulteriore deriva dall’ultimo Rapporto economia, presentato dalla Camera di Commercio, dove nell’indagine Excelsior, quella riferita alle entrate lavorative previste dalle aziende del territorio, nel periodo estivo (giugno, luglio e agosto), dei 3.150 lavoratori previsti in entrata, la quota più significativa è risultata ancora una volta quella dei servizi, con 2.360 unità.
All’interno dei servizi la concentrazione di assunzioni è stata individuata nel comparto dei Servizi di alloggio e ristorazione; servizi turistici, con 810 unità.
«Questa analisi mostra, da un lato – spiega il sindacato – l’aspetto positivo del comparto turistico locale, ovvero, la vivacità occupazionale di cui purtroppo ancora poca consapevolezza vi è dal punto di vista delle scelte politico sociali, ma, dall’altro, l‘elemento negativo rappresentato dall’eccessiva stagionalità del settore e della relativa occupazione, che, sempre secondo i dati dell’indagine, risulta essere a tempo determinato, pochi mesi o addirittura settimana, in 8 casi su 10. Il turismo visto come opportunità di sviluppo dell'economia del nostro territorio, un settore che se sviluppato porterebbe a diminuire lo stato di crisi occupazionale che è presente nella nostra provincia. Diritti, qualità e buona occupazione, tre elementi da cui non si può eludere per costruire un futuro di crescita dell'occupazione anche nel nostro territorio».
Giovedì 29 agosto 2019 alle 20:21:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara





-


























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News