Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 20.22 del 16 Luglio 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

«Alla Partaccia ambulanze del 118 senza medici»

I sindacati Smi e Snami: «Dal 1° luglio l’Asl, nella fascia a mare, li ha sostituiti con gli infermieri»

«TAGLI PREMEDITATI»
«Alla Partaccia ambulanze del 118 senza medici»
Marina di Massa - «Dal primo luglio fino al 31 Agosto in località Partaccia, che rappresenta la fascia mare della provincia di Massa-Carrara, a bordo delle ambulanze i medici del 118 verranno sostituiti da infermieri». Si apre così la denuncia del Sindacato Medici Italiani (Smi) e del Sindacato Nazionale Medici Italiani (Snami).

«Fino all’anno scorso – specificano i due sindacati – l’assetto era così composto: 1 medico h/24 zona Massa e monti;1 Medico h/12 zona costa Massa; 1 medico h/24 zona Carrara e monti; 1 Medico h/12 zona Costa Marina di Carrara; 1 Medico h/12 zona Caniparola/Fosdinovo; 1 Medico Ven/Sab h/12 notturne zona Partaccia; 1 Medico h/24 Luglio-Agosto zona Partaccia; 5 Medici con infermieri nel comprensorio Estrattivo del Marmo bacini Massa-Carrara. Dal 1° luglio 2018 è così composto: 1 medico h/12 diurne con Infermiere in automedica a Massa + h/12 notturne solo Medico; 1 medico h/12 diurne con Infermiere in automedica a Carrara+ h/12 notturne solo Medico; 1 medico h/12 zona Caniparola/Fosdinovo; 1 infermiere h/24 Luglio-Agosto zona Partaccia; 1 medico con infermiere nel comprensorio estrattivo del marmo; 4 infermieri nel comprensorio estrattivo del marmo (anche nei regimi di ore straordinarie)».

«Ricordiamo – proseguono – che l’automedica, la quale il 19 giugno scorso ha compiuto un anno, ha sostituito i quattro medici della zona Massa-Carrara con due medici con infermiere. Dall’assetto territoriale del 118 (2016), avente quattro postazioni medicalizza-te, sono state sostituite due di esse con le automediche (mezzo di soccorso con medico e infermiere) supportate da ambulanze demedicalizzate Bravo (rappresentate da mezzo di soccorso con volontari attestati BLS-D).Inoltre la copertura notturna dei fine settimana nei mesi di Luglio e Agosto è stata completamente sostituita dall’infermiere che opera con l’ambulanza India. Questa decisione dell’Azienda sanitaria è stata presa con gli avvalli, si presume, dei direttori delle Centrali operative 118 e relative Uos (Unità Operativa Semplice) e Responsabile dell’Area Emergenza e Urgenza dell’Asl Toscana Nord Ovest. I mezzi Mike (medicalizzati) sono stati sostituiti dalle Ambulanze “India”, cioè ambulanze formate da soli infermieri come personale sanitario, affiancati dai volontari soccorritori delle associazioni. Ciò facendo la Regione, come già nel caso di Stazzema, Siena e di altre zone della Toscana (presto anche di Aulla, Caniparola-Fosdinovo), sta sostituendo la figura medica con quella degli infermieri. Con questa decisione si vanno a togliere figure sanitarie specializzate nell’emergenza (attestate Deu), dal controllo sanitario di Emergenza Urgenza del territorio».

«A questo punto logica la domanda – si chiedono Smi e Snami – chi effettuerà le diagnosi e la relativa terapia d’emergenza che, per legge, spetta solo ed unicamente al medico dopo attenta visita del paziente? Ricordiamo inoltre l’inserimento del 118 nella Rete Stemi (i pazienti con infarto vengono pretrattati sul territorio per essere così subito portati in emodinamica per angioplastica all’Opa) e la rete Stroke (i pazienti con diagnosi di Ictus sul territorio vengono inseriti in un percorso dedicato allertando subito Neurologo e Tac). Chi effettuerà la diagnosi in questi casi molto importanti? L’Asl “giustifica” questa scelta con il sostenere che non c’è il personale medico sufficiente e che con gli infermieri risparmia: nulla di più falso. A Massa-Carrara il personale sanitario del 118 fino ad ora aveva sempre garantito la copertura dei turni estivi, e anche quest’anno era stato predisposto il calendario di servizio per i mesi di Luglio e Agosto (con area Partaccia compresa), comprendendo così tutte le postazioni medicalizzate (pienamente consapevoli del carico di lavoro creato dal turismo delle nostre zone). Così con questa scelta chi non raggiunge il minimo di ore contrattuali (in parte perché assorbite dagli infermieri) viene inviato in ferie forzate o costretto a coprire turni nella zona della Lunigiana».

«La dimostrazione che i medici non mancano a Massa-Carrara – continua la denuncia dei due sindacati dei medici – è che vengono invogliati, con tanto di e-mail da parte del direttore sanitario aziendale e di altri vertici della stessa Azienda, ad andare all’Isola d’Elba per supportare i colleghi del 118 o del locale Pronto Soccorso. Il taglio dei medici del 118 di Massa-Carrara è stato premeditato. Lo dimostra il fatto che nel mese di maggio l’Asl ha chiesto agli infermieri Deu del-le ex Asl di Massa Carrara,Versilia, Lucca, Pisa Livorno una “manifestazione d’interesse” per potenziare in estate l’emergenza-urgenza territoriale 118. E’ stato chiesto di sostituire nella zona di Massa-Carrara, senza giusta logica, i medici del 118 in emergenza-urgenza, in località Partaccia (quando i turni potevano già essere coperti dal personale medico). La domanda viene spontanea: le “diagnosi”, non essendoci più il medico sul territorio, da chi saranno effettuate? dall’infermiere? dal medico di centrale via telefono senza vedere e visitare il paziente? Pare evidente che questo progetto di demedicalizzazione del territorio non vada di certo a vantaggio del cittadino e del turista che sceglie le nostre zone e non meno importante porterà all’inevitabile sovraccarico del Pronto Soccorso per la mancanza del “filtro” sul territorio. Come sindacati siamo molto preoccupati e fin da ora iniziamo la mobilitazione dei nostri iscritti. Ci piacerebbe conoscere anche il parere del nostro Ordine professionale che, se non andiamo errati, è un Ente di Diritto Pubblico, ausiliario dello Stato, dotato di una propria autonomia gestionale e decisionale, posto sotto la vigilanza del Ministero della Salute e coordinato nelle sue attività istituzionali dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri».
Lunedì 2 luglio 2018 alle 08:01:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-


Sondaggio

Spiaggia libera o stabilimento balneare?
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Matteo Bernabè

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News