LA REDAZIONE
telefono redazione massa carrara 0585 027167
PUBBLICITA'
pubblicità massa carrara Richiedi contatto
Ultimo aggiornamento ore 19.43 del 23 Aprile 2018

Facebook La Voce Apuana Twitter La Voce Apuana RSS La Voce Apuana

Porto, la Uiltrasporti contesta il capitolato: "Ignorate le richieste del sindacato"

Il sindacato: a rischio posti di lavoro

Porto, la Uiltrasporti contesta il capitolato: `Ignorate le richieste del sindacato`
Marina di Carrara - "Restiamo perplessi e delusi dal bando pubblicato dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale per l'assegnazione delle concessioni delle banchine Taliercio e Chiesa. In pratica non sono state prese in considerazione tutte le richieste che avevamo fatto come sindacato".

A sostenerlo è la Uiltrasporti di Massa Carrara che prende atto di quanto pubblicato sul sito dell'Autorità per quanto riguarda il bando di gara e mette in luce le criticità che emergono dal capitolato.

"Su quella banchina la Porto di Carrara impiega mediamente dalle 20 alle 50 persone. Soltanto quando il porto è vuoto ce ne sono una decina in servizio, fra riconsegna del materiale, pesa e funzioni amministrative. Il vincolo alla riassunzione di 12 addetti da parte del soggetto che si aggiudicherà la gara, quindi, non è assolutamente sufficiente per quanto ci riguarda. La nostra richiesta all'Autorità era stata chiara sin dall'inizio: l'assorbimento, da parte del nuovo soggetto, di tutti i lavoratori che dovranno fuoriuscire dalla Porto di Carrara nel caso in cui la società non dovesse partecipare o non dovesse vincere il bando di gara. Ci sentiamo presi in giro visto che soltanto due riunioni fa era stato questo il tema della discussione: con questo bando si rischia di lasciare a casa 30 persone, a parte le 12 che in teoria dovrebbero essere riassorbite".

La Uiltrasporti capisce gli obiettivi di riprogrammazione dell'Autorità ma, secondo il sindacato, ci sono alcune incongruenze di fondo: "Dicono di voler creare sviluppo e occupazione ma non è così che funziona il porto. Tolgono gli spazi a un'azienda con 130 dipendenti a libro paga, la Porto di Carrara, per darli a una società che sarà obbligata ad assumerne soltanto 12. Qualcosa non torna. Prendiamo atto di quanto sta succedendo ma siamo certi che saremo costretti a fare delle lotte sindacali per non lasciare a casa dei lavoratori".

Il sindacato di settore entra poi nel merito delle previsioni di 'sviluppo' delle banchine: "Di fatto vogliono spacchettare tutto in tre parti: quella finale al settore crocieristico, la centrale al commerciale e quella restante a Costantino per il refitting. Si rischi di non accontentare nessuno e di non assegnare quegli spazi: nessun operatore del settore crocieristico è disposto a mettersi d'accordo con il confinante commerciale per permettere l'attracco delle sue navi. La banchina è troppo corta per tenere contemporaneamente navi del commerciale e del crocieristico insieme nello stesso momento".

Mercoledì 14 febbraio 2018 alle 17:45:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Massa Carrara




-
























Testata giornalistica registrata presso il tribunale di Massa n° 4/2017
Direttore responsabile: Luca Borghini

Contatta la Redazione

Privacy e Cookie Policy

Liguria News